Nuovo cda UdA: ” Scelta inaccettabile”

UdaChieti

Scelta inaccettabile non rappresentare Chieti nel nuovo cda dell’Università D’Annunzio per il Comitato cittadino di cui è coordinatore Giampiero Perrotti .

Il Comitato cittadino per la salvaguardia e il rilancio di Chieti esprime sorpresa e sconcerto in merito alla decisione preannunciata per la costituzione del nuovo Consiglio di Amministrazione dell’Università “G. d’Annunzio” di Chieti-Pescara che andrà ad insediarsi nel prossimo mese di novembre.

Il coordinatore del Comitato Giampiero Perrotti afferma che “La scelta di non prevedere la rappresentanza di questo territorio è inaccettabile. Non ci permettiamo alcuna valutazione sulle persone individuate ma va respinta la totale esclusione di ogni e qualsiasi rappresentanza di una città, quella di Chieti, e di un territorio, quello della sua Provincia, che fin dall’epoca della costituzione del Consorzio interprovinciale per la libera Università hanno dato all’Ateneo un contributo preponderante in termini di impegno, disponibilità, attenzione e risorse economiche.Quella che dalla nostra collettività viene interpretata e percepita come una discriminazione  sorprende in particolare questo Comitato che sin dalla sua costituzione e dall’avviarsi dell’operazione “Caserme dismesse” ha operato in piena sintonia con tutti i rappresentanti della “d’Annunzio” per la realizzazione, nella ex Bucciante, della “Cittadella della Cultura”.Cittadella nella quale l’Università si è impegnata a insediare un corso di laurea in Beni ambientali e Culturali, una pinacoteca, munifico dono all’Ateneo del mecenate Alfredo Paglione, e altre importanti attività più volte confermate. Il Comitato, pronto a sviluppare qualsiasi lecita azione in difesa di una città che non intende più subire passivamente ulteriori sottrazioni e mortificazioni, si augura che l’ombra proiettata da questa vicenda venga al più presto dissolta con un atto di sensibilità che annulli concretamente l’annunciata penalizzante esclusione “.

 

Sii il primo a commentare su "Nuovo cda UdA: ” Scelta inaccettabile”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*