Muffa e sporcizia in ristorante di Castellafiume

nas1

I carabinieri del Nas di Pescara hanno sequestrato circa 300 chili di alimenti in un ristorante di Castellafiume, nell’aquilano. Trovata muffa, bruciature da freddo, tracce di irrancidimento, frigoriferi e congelatori sporchi.

Predisposti l’immediata sospensione dell’attività di preparazione e somministrazione del pesce crudo e il divieto di utilizzo dei 300 chili di alimenti non tracciati e tenuti in cattivo stato. Durante il controllo – secondo quanto riferisce una nota dei carabinieri della compagnia di Tagliacozzo a firma del capitano Edoardo Commandè – i tre quintali di alimenti, di origine animale e vegetale, erano in cattivo stato di conservazione per presenza di muffa, bruciature da freddo, tracce di irrancidimento, conservati in frigoriferi congelatori sporchi”. Al gestore del ristorante sono state contestate altre infrazioni tra cui quella di aver esercitato l’attività di preparazione e somministrazione del pesce crudo senza darne preventiva comunicazione all’autorità competente; aver mantenuto il ristorante con carenze igienico-sanitari e strutturali; aver omesso di aggiornare il piano di autocontrollo.

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

Sii il primo a commentare su "Muffa e sporcizia in ristorante di Castellafiume"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*