Malore alla vista della polizia arrivata a casa per arrestarlo

Quando la polizia è arrivata a casa per notificargli il provvedimento che lo avrebbe fatto finire in carcere, ha avuto in malore che lo ha fatto finire in ospedale. Protagonista dell’episodio un 68 enne teatino.

Alla vista della polizia ha avuto in malore: gli agenti hanno ritenuto di accompagnarlo in ospedale dove è rimasto tutto il giorno. Al termine di una lunga serie di accertamenti per lui si sono aperte le porte del carcere, non essendo stati riscontrati problemi particolari. Protagonista di questo episodio un 68 enne teatino. Il personale della squadra mobile di Pescara doveva notificargli un provvedimento di esecuzione di pene concorrenti emesso dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello. All’uomo e’ stata, infatti, revocata la sospensione condizionale della pena per una serie di reati commessi a Pescara tra gli anni 2002 e 2005, tra cui truffa aggravata in concorso con altri: deve espiare la pena residua di 4 anni, 7 mesi, e 15 giorni di reclusioni. Un impatto con la notizia decisamente poco “positivo”!

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

Sii il primo a commentare su "Malore alla vista della polizia arrivata a casa per arrestarlo"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*