L’Abruzzo malato di ludopatia

L’Abruzzo malato di ludopatia, mentre un emendamento alla legge di stabilità potrebbe assegnare fondi ai comuni con più slot machine.

C’è chi si è già giocato tutto, dai soldi per la comunione della figlia alla propria dignità. Chi inventa scuse con il coniuge per uno stipendio che non è in ritardo, ma in fumo. C’è chi ha perso la casa, la macchina, l’azienda, la famiglia e gli amici, eppure continua a ripetere a se stesso quello stupido mantra: smetto quando voglio, giusto il tempo di un’ultima giocata, quella risolutiva, e poi stop. Invece poi continua, vincendo e perdendo, perché tanto la malattia del giocatore è una e una sola e si chiama gioco. La ludopatia rappresenta il 4% del pil nazionale, è la terza industria del Paese: sono 10 milioni i giocatori d’azzardo abituali, 800.000 quelli già malati. Lo Stato ci guadagna – incassa 9 miliardi, anche se poi ne spende 6 per curare chi è schiavo del gioco. Il servizio dipendenze della Asl di Pescara segue 140 persone, il 30% in più dell’anno scorso. In media, gli abruzzesi spendono 1500 euro l’anno a testa, bambini compresi, per slot, gratta e vinci, scommesse, lotto. Difficile, in questo scenario, comprendere la logica di un emendamento alla legge di stabilità che fisserebbe un fondo aggiuntivo da assegnare ai Comuni con più slot machine, soldi che poi sarebbero destinati a curare i malati di gioco. Una scelta schizofrenica, secondo Moreno Di Pietrantonio, responsabile del servizio contro le ludopatie del Sert di Pescara.

Il servizio sulle ludopatie in Abruzzo:

L'autore

Marina Moretti
Nata a Pescara, dopo la maturità classica ha svolto diversi lavori in ambito culturale, artistico e teatrale per poi dedicarsi completamente al giornalismo, sia giornali che radio e tv. Giornalista pubblicista dal 1996, è professionista dal 2010. Come redattore di Rete8, dal 2001, si occupa di diversi settori, con particolare interesse per quello culturale. Ha da poco aperto un blog di fotografie skybycarphotos.

Sii il primo a commentare su "L’Abruzzo malato di ludopatia"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*