Liceo Classico Pescara: Studenti “imbavagliati” per protesta

Liceo Classico Pescara: Studenti “imbavagliati” per protesta, questa mattina all’inizio delle lezioni in un breve flash-mob di un minuto circa.

Alla base della singolare forma di protesta messa in atti dagli studenti del Liceo Classico “Gabriele d’Annunzio” la richiesta di dialogo e maggiore collaborazione e considerazione da parte delle istituzioni scolastiche, dopo il voto contrario espresso dai quattro rappresentanti d’istituto all’introduzione del Comitato di Valutazione degli insegnanti, voluto dal Governo Renzi nell’ambito della Legge 107  della “Buona Scuola”. Dopo la protesta simbolica gli studenti del Classico al grido “stiamo zitti solo quando lo vogliamo”, sono entrati regolarmente in classe. nella scuola sono previsti due giorni di autogestione, nell’ambito della quale si terranno dibattiti e discussione sul problema terrorismo, sull’economia, sulle differenze di genere e sull’orientamento universitario.

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Liceo Classico Pescara: Studenti “imbavagliati” per protesta"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*