Inchiesta appalti Regione, palazzo Centi chiesti 2 rinvii e 10 archiviazioni

L’inchiesta sull’appalto di circa 13 ml per la ristrutturazione di palazzo Centi, seriamente danneggiato dal terremoto del 6 aprile 2009. La Procura della Repubblica dell’Aquila ha chiesto il rinvio a giudizio per due dei dodici indagati e dieci archiviazioni.

Nella vicenda sono coivolte oltre 30 persone, tra politici, funzionari pubblici, tecnici ed imprenditori. Il processo è stato chiesto per due tecnici con l’accusa di turbativa d’asta: si tratta di Alessandro Pompa e Gianluca Marcantonio, quest’ultimo fedelissimo del governatore, Luciano D’Alfonso, che lo ha pubblicamente sponsorizzato nella nomina come componente del Consiglio superiore dei lavori pubblici. I due sono coinvolti nelle vesti di progettisti esterni. Nelle prossime settimane il gup Guendalina Buccella fisserà la data dell’udienza preliminare per decidere se mandare a processo o prosciogliere i sospettati. Per il resto, questo caso giudiziario sembra destinato a finire nel dimenticatoio, visto che nelle scorse settimane, Fabio Picuti, il pm che ha ereditato l’indagine dalla ex collega Antonietta Picardi, trasferita su sua istanza dallo scorso mese di settembre presso la procura generale della Cassazione, ha chiesto l’archiviazione per gli altri dieci indagati, tra cui il presidente della giunta regionale, Luciano D’Alfonso, e del suo ex capo della segretaria, Claudio Ruffini, ex consigliere regionale del Pd e presidente della provincia di Teramo, dimessosi dall’incarico di collaboratore di D’Alfonso proprio quando è scoppiata la maxi inchiesta

Sii il primo a commentare su "Inchiesta appalti Regione, palazzo Centi chiesti 2 rinvii e 10 archiviazioni"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*