L’Aquila, famiglie unite per l’auto-mutuo-aiuto

L’Aquila, famiglie unite per l’auto-mutuo-aiuto. Sei problematiche affrontate nella prima esperienza italiana di auto-mutuo-aiuto, attivata dalla Asl aquilana.

Persone affette da patologie gravi, donne separate con figli o vittime di violenza, coppie divise, famiglie di immigrati, gestione del lutto: sono le sei problematiche affrontate nella prima esperienza italiana di auto-mutuo-aiuto. Il progetto, che coinvolge diversi gruppi di famiglie, è stato attivato dalla Asl aquilana. Il territorio prescelto è quello marsicano, dove agiranno le persone formate dalla stessa Asl dell’Aquila. Una formula innovativa, ispirata dal corso di sensibilizzazione al problema dell’alcolismo, promosso dal Sert della Asl di Avezzano e dall’Arcat (Associazione Regionale dei Club alcologici territoriali). Il corso si è tenuto ad Avezzano dal 12 al 17 ottobre scorsi. Attraverso l’incontro organizzato di gruppi di famiglie che si sostengono reciprocamente, si sviluppa una una mini-comunità attorno alle sei aree di disagio. Il primo gruppo sulla gestione del lutto, chiamato “il club della speranza”, è stato avviato di recente con il coinvolgimento di 5 nuclei familiari. Presto toccherà al gruppo di famiglie di immigrati, per il quale la Asl ha già formato tre figure-guida. Le altre formazioni familiari cominceranno nel giro di poco più di un mese. Per l’alcolismo si è arrivati a 10 gruppi.

“I club alcologici territoriali, che funzionano secondo il principio dell’auto-mutuo-aiuto – spiega il direttore del Sert di Avezzano Adelmo Di Salvatore – sono il perno del sistema ecologico-sociale. I club sono aperti a tutte le famiglie della comunità con problemi legati all’uso di alcol e sofferenze correlate alle bevande alcoliche, senza alcuna discriminazione etnica, religiosa, sociale o di genere, che desiderano intraprendere un percorso crescita personale e famigliare”.

L'autore

Marina Moretti
Nata a Pescara, dopo la maturità classica ha svolto diversi lavori in ambito culturale, artistico e teatrale per poi dedicarsi completamente al giornalismo, sia giornali che radio e tv. Giornalista pubblicista dal 1996, è professionista dal 2010. Come redattore di Rete8, dal 2001, si occupa di diversi settori, con particolare interesse per quello culturale. Ha da poco aperto un blog di fotografie skybycarphotos.

Sii il primo a commentare su "L’Aquila, famiglie unite per l’auto-mutuo-aiuto"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*