L’Aquila: 90 licenziamenti alla Intecs

L’Aquila: 90 licenziamenti alla Intecs. L’ennesima doccia gelata dai vertici dell’azienda ai lavoratori da anni protagonisti di una drammatica vertenza.

A nulla sono valsi gli scioperi, le mobilitazioni e, in ultimo, gli appelli rivolti al presidente della Repubblica Sergio Mattarella. I lavoratori della Intecs L’Aquila hanno ricevuto dai vertici dellazienda l’ennesima doccia geleta. Il management ha annunciato un piano di licenziamenti lacrime e sangue, da attuare in 24 mesi, che porterà il personale dalle attuali 120 unità ad appena 30 lavoratori.
Ai dipendenti che perderanno il posto spetteranno, come ammortizzatiori sociali, la cassa integrazione ordinaria e straordinaria ma è stata esclusa qualunque prospettiva o ipotesi di riassunzione.
Costi del personale tropo elevati e crisi del mercato sono state le motiviazione addotte dal presidente  dell’azienda Massimo Micangeli e  dall’mministrazotre delegato Marco Casucci, che questa mattina all’Aquila hanno incontrato lavoratori, sindacati e Rsu aziendali.

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "L’Aquila: 90 licenziamenti alla Intecs"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*