La buona scuola? C’è chi dice no

La Buona Scuola? C’è chi dice no ad una possibile assunzione: una precaria abruzzese rinuncia a fare domanda per la Buona Scuola di Matteo Renzi.

Per lei, Veronica Micello, la buona scuola è mica tanto buona. Veronica è una precaria consapevole e renitente, di quelle che hanno deciso scientemente di non salire a bordo di un treno che forse, per lei, non ripasserà più. Siamo andati a Cepagatti per sentire le ragioni della sua scelta, difficile e sofferta, che si può riassumere con una sola parola: famiglia. Due figli piccoli, una casa di proprietà fatta con tanti sacrifici, genitori anziani e un marito che non potrebbe lasciare il posto di lavoro. E’ per questo che Veronica ha deciso di continuare a fare la “precaria stabile” che ogni autunno aspetta la chiamata dai paesi del circondario e di non presentare la domanda per accedere alle cattedre messe a disposizione dalla Buona Scuola di Matteo Renzi.

Il servizio del Tg8:

L'autore

Marina Moretti
Nata a Pescara, dopo la maturità classica ha svolto diversi lavori in ambito culturale, artistico e teatrale per poi dedicarsi completamente al giornalismo, sia giornali che radio e tv. Giornalista pubblicista dal 1996, è professionista dal 2010. Come redattore di Rete8, dal 2001, si occupa di diversi settori, con particolare interesse per quello culturale. Ha da poco aperto un blog di fotografie skybycarphotos.

Sii il primo a commentare su "La buona scuola? C’è chi dice no"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*