Interrogazione ministeriale sui “fatti” del mare pescarese

Mare-sporco-Pescara

Interrogazione ministeriale del capogruppo alla Camera di FdI-An, Fabio Rampelli, sui fatti avvenuti a Pescara nel luglio 2015 quando la rottura di una condotta fognaria causò lo sversamento in mare di feci e liquami.

Nella interrogazione, a risposta scritta, Rampelli, prendendo lo spunto dagli esposti presentati alla Procura della Repubblica riepiloga i fatti avvenuti “e le gravi omissioni che hanno minato la salute pubblica dei cittadini che, ignari, si sono bagnati nella acque inquinate davanti la costa pescarese”. L’ interrogazione si conclude ricordando che: “le cronache degli ultimi giorni sono tornate con insistenza sulla questione dell’inquinamento del mare nel tratto di costa antistante Pescara anche a causa del decennale malfunzionamento del depuratore”.

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

Sii il primo a commentare su "Interrogazione ministeriale sui “fatti” del mare pescarese"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*