Inaugurato l’Anno Accademico dell’Università d’Annunzio

uda

Inaugurato il nuovo Anno Accademico 2018-2019 dell’Università d’Annunzio di Chieti-Pescara con i riconoscimenti dell’Ordine della Minerva a Mogol e Bruno Vespa.

L’appuntamento si è tenuto in un affollato auditorium del Rettorato. Durante l’evento è stato conferito l’Ordine della Minerva al paroliere Giulio Rapetti (Mogol) e al giornalista Bruno Vespa, quest’ultimo non ha potuto essere presente per impegni professionali.

Nutrito il programma dell’evento, con la cerimonia che si è aperta con l’intervento del Magnifico Rettore Sergio Caputi. A seguire i saluti di Enzo Fimiani, in rappresentanza del personale tecnico-amministrativo, e di Simone Masci, a nome degli studenti dell’ateneo. C’è stata poi la prolusione ufficiale sul tema “L’esplorazione dei pianeti: una sfida della Università d’Annunzio”, tenuta dal professor Gian Gabriele Ori, Ordinario di Geologia Stratigrafica e sedimentologica. Ancora, la testimonianza dei neo-laureati dell’Ateneo, in particolare quella di Mattia Russel Pantalone MD PhD Student, Clinical Scientist Training Program al Karolinska Institutet di Stoccolma. La cerimonia si è conclusa come accennato, con la consegna dell’Ordine della Minerva a Mogol (Giulio Rapetti), abruzzese di adozione e cittadino onorario di Silvi dove trascorreva da bambino le sue estati. Lo stesso riconoscimento sarà dato anche a Bruno Vespa, anche se il giornalista ha comunicato l’impossibilità a essere presente alla cerimonia per sopraggiunti impegni professionali. Il Rettore Caputi ha parlato di un anno importante per l’Università, con un incremento del numero degli studenti anche da fuori regione e dall’Estero, nuovi corsi di laurea già attuati ed altri che entreranno in vigore a breve. Per le Borse “post lauream”, la d’Annunzio è il secondo ateneo a livello nazionale. L’università ha registrato il 27% di aumento nei diversi indici valutati, dalla qualità dei docenti alla internazionalizzazione e alla attrattività.

Sii il primo a commentare su "Inaugurato l’Anno Accademico dell’Università d’Annunzio"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*