Immigrati: Centro d’accoglienza a Campli

Immigrati: Centro d’accoglienza a Campli nell’ex convento dei Cappuccini. Il vescovo Seccia chiede che la solidarietà non si fermi neanche davanti ai fatti di Parigi.

L’iniziativa é della Curia Teramana e ad illustrarla lo stesso vescovo di Teramo Mons. Michele Seccia:

«Non si può fermare la storia, la vita, le iniziative per paura del terrrorismo, si va avanti. Si tratta di frutto concreto di solidarietà a cui il Papa ci sta richiamando nell’anno della misericordia. Alcune strutture del territorio che non sono più utilizzate per l’attività religiosa- ha aggiunto il vescovo – le stiamo riconvertendo per metterle a disposizione della collettività con finalità benefiche. In questi giorni stiamo definendo gli ultimi dettagli con la comunità Giovanni XXIII e i Cappuccini d’Abruzzo per mettere a disposizione il convento di Campli che verrà trasformato in un centro di accoglienza».

 

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Immigrati: Centro d’accoglienza a Campli"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*