Il CIBA vuole il mare pulito a Pescara

mare1

Il CIBA vuole il mare pulito a Pescara. Il Consorzio Imprese Balneari dell’Adriatico scende in campo per salvaguardare la salute del mare e del fiume di Pescara sotto il profilo ambientalistico, paesaggistico, turistico ed economico.

Il Ciba, presieduto da Stefano Cardelli, ha affidato il mandato esplorativo all’avvocato pescarese Ernesto Torino Rodriguez e ad un pool di esperti del settore affinchè ricostruiscano dettagliatamente tutte le tappe che hanno portato all’attuale situazione di inquinamento del mare e del fiume Pescara, con incalcolabili danni all’economia turistica della città.

” A nostro parere- spiega Cardelli- l’inquinamento del mare e del fiume è in gran parte dovuto alla diga foranea. Intendiamo mantenere sempre viva la questione anche quando sarà finita la stagione balneare e non puntare l’indice contro qualcuno. Solo mantenendo alta la guardia ed attuando attività di risanamento e controllo potremo affrontare con fiducia la prossima stagione estiva e restituire tranquillità ai cittadini e ai tanti turisti che, come noi, amano Pescara e il suo mare”.

L'autore

Gigliola Edmondo
Laureata in Lettere Moderne e in Giornalismo medico- scientifico con lode, è iscritta all’Ordine dei giornalisti, elenco Pubblicisti dal 1995. Esercita l’attività giornalistica dal 1985 occupandosi di cronaca, politica, economia, medicina, cultura e spettacoli. E’ appassionata di canto, musica, letteratura, cinema, teatro e pratica volontariato.

Sii il primo a commentare su "Il CIBA vuole il mare pulito a Pescara"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*