Grazia a Bearzi: D’Alfonso scrive a Mattarella

mattarella12

Grazia a Bearzi: D’Alfonso scrive a Mattarella, il presidente della Regione scende in campo in favore di Livio Bearzi, condannato in qualità di preside all’epoca del crollo del Convitto Nazionale nel sisma del 6 aprile del 2009.

Bearzi deve scontare 4 anni di carcere per omicidio plurimo colposo e lesioni colpose per la morte di tre studenti ed il ferimento di altri due. In favore di Bearzi e per la sua Grazia si sono schierati molti personaggi della cultura e della politica, al suo fianco, da ieri, anche il presidente D’Alfonso che nella sua missiva al Capo dello Stato scrive:

“Bearzi che é gravato da una condizione familiare difficile, non può essere assunto quale capro espiatorio di una situazione che affonda le sua radici nell’Ottocento, epoca di fondazione del Convitto. Egli é vittima due volte – scrive D’Alfonso – vittima del terremoto che volle affrontare restando con la sua famiglia ad alloggiare nella struttura che dirigeva e di una discutibile normativa che obbliga i responsabili della sicurezza a denunciare i problemi degli edifici senza poi metterli in condizione di risolverli prontamente. E’ in questa distonia – conclude la lettera – che s’inserisce il mio appello affinchè Le voglia valutare l’ipotesi di concedere la grazia e annullare l’interdizione dai pubblici uffici a Livio Bearzi, che nella sua carriera scolastica si é sempre distinto per merito e fattività”

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Grazia a Bearzi: D’Alfonso scrive a Mattarella"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*