Emendamento No Ombrina: “La vittoria delle Regioni”

Emendamento No Ombrina: “La vittoria delle Regioni”, il Presidente D’Alfonso plaude all’accoglimento in Commissione Bilancio della norma sul limite delle 12 miglia e sottolinea l’importanza dell’alleanza tra Regioni e Palazzo Chigi.

Contestualmente giunge ad un punto di svolta anche il discorso della zonizzazione  del Parco della Costa Teatina, altro presidio di difesa per le nostre coste e garanzia di sviluppo:

“C’é il popolo della protesta al quale vanno i miei applausi – spiega D’Alfonso – e poi le mosche che si adagiano sulla groppa degli asini, resta però il dato di un momento storico ben preciso quello del 9 dicembre a margine dell’incontro con Assomineraria, quando parlai di mese decisivo per il raggiungimento dell’obiettivo che ci eravamo prefissati. A chi mi chiedeva di stracciare la tessera del Pd – prosegue il presidente – rispondo che é stato molto più efficace condurre la battaglia all’interno delle istituzioni attraverso l’intesa forte con le altre Regioni e con questa influire nelle scelte di Palazzo Chigi tanto da giungere a questo emendamento che non solo ristabilisce il limite delle 12 miglia per il divieto di trivellazione, e già questo basta per bloccare il progetto di Ombrina, ma rida alle Regioni poteri decisionali, lasciando operative solo le piattaforme esistenti fino all’esaurimento”.

Coordinamento No Ombrina: vince l’impegno civico

“La lotta di base dei cittadini è il cuore del possibile successo nella campagna contro Ombrina; tutto parte dall’impegno civico della cittadinanza attiva” è il commento del Coordinamento No Ombrina: “Se vittoria sarà, è stato in primo luogo il popolo abruzzese a meritarsela con una partecipazione senza eguali ad una lotta che sembrava impari. La politica, spronata dai cittadini, si è attivata, sempre dal basso, a partire dai sindaci fino ad arrivare in regione e nelle stanze romane più ovattate risalendo la filiera del potere. Tutti gli strumenti messi in campo in questi anni dalle istituzioni sono scaturiti e hanno tratto forza dall’azione popolare. Qualsiasi cosa accada, è una vicenda che ha segnato e sta segnando la storia della regione e del paese”.

il video

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Emendamento No Ombrina: “La vittoria delle Regioni”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*