Ecomafia- Legambiente: sull’Abruzzo riflettori accesi

ecomafia-abruzzo

Ecomafia, Legambiente in Abruzzo segnala 742 infrazioni, con 712 denunce e due arresti.

Nel rapporto annuale dell’associazione ambientalista la nostra regione occupa il 13° posto nella classifica nazionale dell’illegalità ambientale. A preoccupare è soprattutto l’illegalità relativa al ciclo dei rifiuti, in Abruzzo sono state registrate 201 infrazioni con 209 denunce e 59 sequestri.

Altro dato preoccupante arriva dall’illegalità nel ciclo del cemento. In Abruzzo ci sono state 154 infrazioni, 183 denunce e 37 sequestri. Sono state 35 le infrazioni, 6 le denunce e un sequestro relativi a incendi dolosi e colposi. Infine sono 10 le opere d’arte rubate in regione. Si chiude con la classifica sulla corruzione in Italia in materia ambientale dove l’Abruzzo occupa il sesto posto con 16 inchieste 97 arresti 173 denunce e 41 sequestri.

Sono stati 29.293 i reati accertati in Italia, circa 80 al giorno, per un fatturato criminale che è cresciuto di 7 miliardi rispetto all’anno precedente raggiungendo la cifra di 22 miliardi, cui ha contribuito in maniera eclatante il settore dell’agroalimentare, con un fatturato che ha superato i 4,3 miliardi di euro.

L'autore

Carmine Perantuono
Laureato in Giurisprudenza, è giornalista professionista dal 1997. Ricopre il ruolo di Direttore Responsabile di Rete8.

Sii il primo a commentare su "Ecomafia- Legambiente: sull’Abruzzo riflettori accesi"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*