Danni alluvionali in Abruzzo, via alle richieste d’intervento

 Per i danni alluvionali in Abruzzo c’è il via alle richieste di intervento da inoltrare alla Regione. Le domande da inviare al Dipartimento Politiche dello Sviluppo Rurale e della Pesca.

Il provvedimento è per chi ha subito danni dalle piogge alluvionali del 2014 e parte del 2015 può chiedere gli interventi necessari al Dipartimento Politiche dello Sviluppo Rurale e della Pesca della Regione Abruzzo.La Regione Abruzzo, sulla base di una determina disposta ad hoc in base alle ultime disposizioni ministeriali, dà la possibilità di inviare richieste di intervento per i danni causati dalle piogge alluvionali nel periodo compreso tra il 1/1/2014 ed il 7/5/2015. Le eventuali richieste dovranno riguardare esclusivamente i danni al settore agricolo nei territori espressamente indicati nella delibera di Giunta, la n. 550 del 26/06/2015. Dal momento della pubblicazione, i richiedenti avranno a disposizione 45 giorni per inviare le domande. La modulistica necessaria è reperibile sul sito internet della Regione Abruzzo (http://www.regione.abruzzo.it/agricoltura/) oppure presso i Servizi Territoriali per l’Agricoltura o Uffici UTA, competenti per territorio.

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Danni alluvionali in Abruzzo, via alle richieste d’intervento"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*