Parco Gran Sasso: primato europeo per numero di piante

parco-gran-sasso-primato-europeo-per-numero-piante

Il parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga si guadagna il primato europeo per numero di piante con 2.651 entità floristiche: è quanto si evince dai dati messi a confronto nell’ambito del convegno nazionale del gruppo di floristica, sistematica ed evoluzione della società botanica italiana, che si è tenuto alla fine di novembre all’orto botanico di Roma.

Sono stati i ricercatori Fabio Conti e Fabrizio Bartolucci del centro di ricerche floristiche dell’Appennino, che il Parco gestisce in collaborazione con l’università degli studi di Camerino, a presentare il compendio della flora del Parco, frutto di decenni di ricerche.

“Il numero di piante registrate non solo è il più alto tra le aree protette europee e del bacino del Mediterraneo, ma anche uno dei più alti al mondo – spiega Conti – e da un’indagine condotta con la collaborazione di botanici di altri paesi è risultato che solo pochissimi parchi possono vantare numeri più alti, come alcune aree protette in Borneo, Bolivia e Costa Rica. Al contrario, paesi famosi per ricchezza di biodiversità non hanno aree protette così ricche di piante. Parchi molto noti, come Yellowstone, e persino equatoriali, come quello di Virunga, in Uganda, risultano nettamente più poveri da questo punto di vista”.

Delle 2.651 entità floristiche censite nel Parco abruzzese, 218 sono endemiche italiane e molte altre sono di particolare interesse biogeografico, poiché risultano rare o al limite di areale.

Nel loro studio i ricercatori hanno inoltre individuato le emergenze floristiche che meritano specifici piani di gestione e tutela.

“L’eccezionale patrimonio floristico del Parco – ha commentato il direttore dell’ente, Domenico Nicoletti – deve inorgoglirci e spingerci verso nuovi orizzonti di studio, volti all’approfondimento delle conoscenze sistematiche e conservazionistiche, ma anche verso un rinnovato impegno per il rilancio dei nostri territori, trasformando questi straordinari primati ambientali in un valore aggiunto per lo sviluppo sostenibile”.

 

 

L'autore

Anna Di Giorgio
Anna Di Giorgio nasce a Moncalieri (Torino), ma dall’età di quattro anni vive in Abruzzo. Ha conseguito la laurea in Lettere moderne presso l’università “G. d’Annunzio” di Chieti. Iscritta all’albo dei giornalisti dal 2002, è professionista dal 2010. Lavora per Rete8 dal 2005.

Sii il primo a commentare su "Parco Gran Sasso: primato europeo per numero di piante"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*