Molise chiama Abruzzo, mille in piazza per l’ambiente

legambiente-roma1

Molise chiama Abruzzo, mille in piazza per l’ambiente. Erano circa un migliaio i manifestanti scesi in piazza ieri a Termoli per protestare contro le trivellazioni e altri interventi ritenuti di forte impatto ambientale.

A Termoli sono scesi in strada i comitati civici di Molise, Abruzzo e Puglia, le associazioni ambientaliste e diversi cittadini, alcuni dei quali si sono uniti al corteo in transito lungo le strade cittadine.

“Vogliamo dire basta alla devastazione del territorio. Siamo in un momento particolare – hanno dichiarato i manifestanti – ed è proprio per questo che bisogna alzare la voce sulla tutela del territorio, ormai sotto attacco. Bisogna difendere la nostra salute e l’ambiente in cui viviamo. Questa manifestazione vuole svegliare tutti dal letargo e dal silenzio, vuole risvegliare le coscienze di tutti e chiamarli a scendere in strada per il nostro futuro”.

Striscioni, cartelli alla mano, il corteo si è snodato lungo le vie del centro, da Piazza Donatori di sangue a Piazza Monumento, dove sono seguiti gli interventi dei rappresentanti delle numerose associazioni aderenti alla protesta. La protesta è nata per scandire un no deciso alle trivellazioni in mare ed a terra, all’ampliamento del polo chimico del nucleo industriale di Termoli, all’acqua contaminata, allo stoccaggio di gas al Sinarca, alla negazione del referendum ai termolesi.

L'autore

Marina Moretti
Nata a Pescara, dopo la maturità classica ha svolto diversi lavori in ambito culturale, artistico e teatrale per poi dedicarsi completamente al giornalismo, sia giornali che radio e tv. Giornalista pubblicista dal 1996, è professionista dal 2010. Come redattore di Rete8, dal 2001, si occupa di diversi settori, con particolare interesse per quello culturale. Ha da poco aperto un blog di fotografie skybycarphotos.

Sii il primo a commentare su "Molise chiama Abruzzo, mille in piazza per l’ambiente"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*