Cervi in Abruzzo: nessuna caccia, solo censimento

Caprioli e cervi in Abruzzo: nessuna caccia, solo censimento secondo le disposizioni dell’Ispra.

A fare chiarezza sulla vicenda tanto discussa della presunta autorizzazione da parte della Regione a cacciare cervi e caprioli, l’assessore regionale Dino Pepe che spiega nel dettaglio il provvedimento:

“Nessun abbattimento, ma solo una necessaria e puntuale azione di censimento e monitoraggio del numero di caprioli e cervi per conoscere, con precisione, in quali territori insistono, in che rapporto sono rispetto alle altre specie come il cinghiale che, ormai, rappresenta per le specie protette (orso, lince, lupo e camoscio) ma anche per l’agricoltura , un enorme problema di sopravvivenza, ambientale ed economico”

I dati, ciclicamente rilevati, verranno inviati e studiati dall’Istituto Superiore per la protezione e la ricerca ambientale.

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Cervi in Abruzzo: nessuna caccia, solo censimento"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*