Appalti truccati a Roma e in Abruzzo: 30 imprenditori indagati

tribunale-pescara

Appalti truccati a Roma e in Abruzzo: 30 imprenditori indagati. Tra essi ci sono anche imprenditori abruzzesi che sono finiti nel mirino della magistratura con le accuse di turbata libertà degli incanti perché si sarebbero messi d’accordo per pilotare gare d’appalto.

Nell’elenco figurano gli appalti all’Ater di Roma e al Ministero delle infrastrutture , i lampioni di Cepagatti, appalto da cui è partita l’inchiesta coordinata dalla Procura di Pescara, fino ai lavori delle fogne dell’Aca, le case popolari dell’Ater di Chieti, una scuola a Montesilvano ed un edificio dell’Esercito Italiano.

Ci sarebbero collegamenti tra l’Abruzzo e Roma come accertato dagli investigatori dopo le rivelazione dell’ imprenditore aquilano Claudio D’Alessandro, arrestato il 4 dicembre del 2014 nel primo filone dell’inchiesta sul cantiere di Cepagatti . Imprenditori di Roma, di Pescara, Chieti ed Avezzano , nei confronti del quali la Procura pescarese ha chiesto il rinvio a giudizio, si mettevano d’accordo sui ribassi d’asta  quando partecipavano a gare d’appalto degli enti pubblici , creando così un sistema che si basava su un patto di collaborazione tra imprese amiche tra loro.

L'autore

Gigliola Edmondo
Laureata in Lettere Moderne e in Giornalismo medico- scientifico con lode, è iscritta all’Ordine dei giornalisti, elenco Pubblicisti dal 1995. Esercita l’attività giornalistica dal 1985 occupandosi di cronaca, politica, economia, medicina, cultura e spettacoli. E’ appassionata di canto, musica, letteratura, cinema, teatro e pratica volontariato.

Sii il primo a commentare su "Appalti truccati a Roma e in Abruzzo: 30 imprenditori indagati"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*