Appalti Terremoto: Quando Nencini chiamo’ Fusi…

Appalti Terremoto: Quando Nencini chiamò Fusi…. l’attuale viceministro ai trasporti Nencini offrì il proprio aiuto ad un costruttore poi condannato per corruzione.

La notizia é stata rilanciata stamane dal sito www.notizie.tiscali.it, non ha nessuna rilevanza di carattere giudiziario, ma offre non pochi spunti per quel che riguarda il grande business della ricostruzione a distanza di sette anni dal sisma de L’Aquila a quello di Amatrice. All’epoca i carabinieri del Ros carpirono una telefonata tra l’allora senatore, segretario del Partito Socialista e Presidente del Consiglio Regionale della Toscana Riccardo Nencini, oggi vice ministro ai trasporti ed in prima linea sul fronte della ricostruzione nei territori colpiti dal terremoto dello scorso 24 agosto, ed il costruttore Riccardo Fusi che negli anni a seguire incapperà in una condanna per concorso in corruzione e bancarotta fraudolenta. Nell’intercettazione, nell’ambito dell’inchiesta sul G8 alla Maddalena e che stamane Tiscali.it pubblica integralmente, Nencini riferisce di essere stato a L’Aquila e di aver parlato di lui e che é disponibile a fissare un incontro entro una settimana con l’allora Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. Questo il testo dell’intercettazione:

“… ascolta bello tutto bene… sto venendo via ora da L’Aquila … (…) … ho parlato … ho parlato, ho parlato di te… ma lì tu sei conosciuto …”.

Riccardo Fusi, però, si lamenta del fatto che nonostante sia conosciuto non ha fatto poi grandi affari a L’Aquila, qualche mese dopo, però, otterrà due appalti uno dei quali per la caserma di Campomizzi, poi oggetto d’inchiesta, per un valore di 12 milioni di euro. Nell’intercettazione Fusi propone un incontro:

“sì, sono conosciuto però murano quegl’altri capito? …(ride) … (…) … si, si, si, si … si, si, si… ma se tu ci metti le mani è meglio… secondo me … (…) … eh ho capito allora vediamoci io e te ? … e si parla un minuto…”.

Nencini assicura Fusi sul fatto che l’incontro si può fare nel giro di una settimana e lo tranquillizza dicendogli di aver parlato già con l’allora sottosegretario e capo della Protezione Civile Guido Bertolaso:

“… vai, allora anche in settimana nuova… perché io devo tornare giù da lui … (… )… io ho fatto un passaggio tra l’altro ho visto anche, anche il capo però … (…) … con il capo del governo non… non insomma … prima ho parlato da solo con Bertolaso … (…) … eh ti richiamo io vai…”.

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Appalti Terremoto: Quando Nencini chiamo’ Fusi…"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*