Vigilia, in centinaia all’aperitivo del Boss

Mani alzate al cielo, verso quel cielo in cui svettano decine di gru della ricostruzione.

Mani che stringono un bicchiere di vino per brindare alla salute della città in questa vigile del Natale 2015, il settimo da quando la scossa del 6 aprile 2009 ha sconvolto L’Aquila distruggendo il suo centro storico e tanti paesi del comprensorio.

20151224_122539 20151224_122546 20151224_122957 20151224_123122 20151224_123257

La voglia di normalità passa anche attraverso la tenacia a non perdere quelle che sono abitudini, anzi diremmo tradizioni, vecchie decenni, come l’aperitivo della Vigilia in centro storico. Che per gli aquilani equivale a dire: jemo ajiu boss.

Il Boss, storica cantina da oltre un secolo di vita dove tutti, dagli studenti agli avvocati, dai medici agli operai fino a mamme con bambini in braccio che sfidano la calca e il freddo per un brindisi con gli amici, si danno un appuntamento. Non c’è Natale senza prima l’aperitivo della vigilia nella cantina di via Castello, prima in assoluto a riaprire in centro storico dopo la scossa distruttiva: il 24 dicembre del 2009 si contarono, a piazza Regina Margherita, migliaia di persone.

Ma non solo il Boss. Dalle 10 di questa mattina e per una vigila no stop fino alle 20 tutti i locali del centro storico hanno aperto per un aperitivo in compagnia.

L'autore

Marianna Gianforte
Giornalista professionista dal 2009, iscritta all'Albo dell'Ordine dei Giornalisti d'Abruzzo. Dopo la laurea in Culture per la Comunicazione all’Università dell’Aquila, frequenta un master in Giornalismo all'Università di Teramo. Collabora con il quotidiano regionale "Il Centro Spa" e Radio Delta. La scrittura e il giornalismo fanno parte della sua vita, come anche lo sport. Ama la corsa, la bicicletta e la montagna.

Sii il primo a commentare su "Vigilia, in centinaia all’aperitivo del Boss"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*