Amica di Filippone, “non riusciamo a spiegarcelo”

Compagni di scuola per tredici anni, dalla prima elementare alla maturità, poi la condivisione dei momenti importanti, l’uno presente al matrimonio dell’altro, la felicità per la nascita dei figli.

Elena Berardi racconta così il suo legame d amicizia con Fausto Filippone, l’uomo che domenica scorsa, prima di suicidarsi, ha ucciso la moglie, spingendola giù da un balcone di un palazzo a Chieti, poi la figlia di 10 anni, lanciandola nel vuoto da un viadotto dell’ A 14 a Francavilla al Mare. Elena è una dei pochi amici che hanno partecipato al funerale di Filippone a Pescara. Si erano visti poco prima di Natale a una festa a casa di amici e avevano continuato, come sempre negli anni, a sentirsi periodicamente al telefono.

“Non riusciamo a spiegarci cosa possa essere accaduto nella sua mente, è un dolore ancora troppo forte. Era sempre stato affettuoso, aveva un pensiero per tutti, era lui il primo a cercare gli altri, negli anni del liceo era un ragazzo simpatico, sempre pronto ad animare la compagnia”. Elena sottolinea che la morte della madre, ad agosto dell’anno scorso, lo aveva segnato profondamente. Da allora, “l’unica cosa che ho notato di diverso, parlando con lui al telefono, erano i silenzi, ogni tanto, durante la conversazione”.

L'autore

Fabio Lussoso
Giornalista dal 1985, ha seguito corsi di tecniche di comunicazione. A 20 anni dirige il quotidiano radiofonico 7Giorni 7. Dal 1986 ha iniziato a collaborare con il quotidiano Il Centro e con altri quotidiani. Successivamente, l’attività giornalistica televisiva per varie Tv regionali. A Rete8 si è occupato di Cronaca e Politica. Per due anni ha diretto la redazione di Rete8 Sport. Dopo aver dato il suo impulso è tornato ad occuparsi di cronaca. Amante di lettura, viaggi e sport.

Sii il primo a commentare su "Amica di Filippone, “non riusciamo a spiegarcelo”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*