AIL Pescara, pazienti di ematologia velisti per un giorno

Continua il viaggio della barca a vela “Sognando Itaca” del Progetto AIL. L’imbarcazione giunta ieri al Marina di Pescara, stamani ha consentito ad alcuni pazienti del reparto di Ematologia dell’Ospedale Santo Spirito di vivere l’esperienza di uscire in mare a vele spiegate.

La barca ‘Sognando Itaca’, partita da Trieste lo scorso 4 giugno, è approdata nel pomeriggio di ieri, martedì 12 giugno al Marina di Pescara, malgrado le difficoltà del vento forte con raffiche oltre i 39 nodi, ha sottolineato il responsabile nazionale del progetto dell’AIL, Luciano Galloni,  concluderà il suo tour il 21 giugno a Taranto.

“In ogni porto toccato,  ha sottolineato il Presidente dell’Ail Pescara Teramo, Domenico Cappuccilli”, diamo vita all’ Itaca Day: la vela, per le sensazioni che offre e per le condizioni uniche in cui viene praticata, ha una funzione terapeutica, perché contribuisce ad alleviare l’ansia e lo stress provocati dalla malattia e  rafforza il rapporto esistente tra pazienti, medici e psicologi, mettendo così la riabilitazione psicologica al centro del percorso terapeutico”.

L’iniziativa, giunta alla 12 esima edizione, conta  ancora una volta sul sostegno di una testimonial d’eccezione: la velista e campionessa olimpionica di windsurf, Alessandra Sensini, direttore tecnico giovanile della FIV (Federazione Italiana Vela) e anche vice presidente del Coni.

IL SERVIZIO DEL TG8

 

L'autore

Fabio Lussoso
Giornalista dal 1985, ha seguito corsi di tecniche di comunicazione. A 20 anni dirige il quotidiano radiofonico 7Giorni 7. Dal 1986 ha iniziato a collaborare con il quotidiano Il Centro e con altri quotidiani. Successivamente, l’attività giornalistica televisiva per varie Tv regionali. A Rete8 si è occupato di Cronaca e Politica. Per due anni ha diretto la redazione di Rete8 Sport. Dopo aver dato il suo impulso è tornato ad occuparsi di cronaca. Amante di lettura, viaggi e sport.

Sii il primo a commentare su "AIL Pescara, pazienti di ematologia velisti per un giorno"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*