Abbattimento volpi: la protesta degli animalisti

Sulla delibera per l’abbattimento volpi, la protesta degli animalisti che depositano un esposto in Procura contro la Provincia di Chieti.

Secondo la Lega Nazionale per la Difesa del Cane la Provincia avrebbe emanato una delibera che ha come oggetto un piano triennale per l’abbattimento di ben 1791 volpi. Alla base di questa decisione il fatto che le zone menzionate nel provvedimento sono riservate al ripopolamento, per fini venatori, di fagiani e lepri. Le volpi, dunque, sarebbero colpevoli di depauperare queste riserve, sottraendo preziose prede ai cacciatori. I dubbi che la Lega Nazionale per la difesa del cane ha sottoposto alla Magistratura sono diversi; innanzitutto i criteri con i quali é stato effettuato il presunto censimento che ha portato ad un cosi elevato numero di animali da uccidere. In secondo ordine, secondo quanto stabilisce la legge, tale controllo va praticato di norma mediante l’utilizzo di metodi ecologici su parere dell’Istituto Nazionale per la Fauna Selvatica. Qualora l’Istituto verifichi l’inefficacia dei predetti metodi, sono le Regioni ad autorizzare i piani di abbattimento.

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Abbattimento volpi: la protesta degli animalisti"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*