L’Aquila, big data: “Telenia” pronta ad aprire e ad assumere 120 esperti

Circa 120 lavoratori di alto profilo da assumere nel giro di un biennio. E’ l’obiettivo di un’azienda giovane che opererà nel campo delle telecomunicazioni, Telenia, pronta ad aprire nel nucleo industriale tra Poggio Picenze e Fossa.

Una boccata d’ossigeno per tanti ragazzi e non solo (si punta anche alla riqualificazione di persone uscite dal mercato del lavoro e che per età sono ancora lontane dalla pensione) in un contesto occupazionale locale ancora in affanno. A tentare la strada dell’innovazione, a caccia di talenti, è Telenia, azienda nel campo delle telecomunicazioni che vuole porsi come “data factory” per la gestione dei “big data” di imprese private e pubbliche amministrazioni, e che punta a guardare non soltanto all’Aquila, ma anche al resto d’Abruzzo. Telenia nascerà all’Aquila come progetto complementare a quello esistente da quattro anni a Udine, e non sarà un semplice “accumulatore di dati terzi”.

IL COMUNICATO STAMPA COMPLETO DI TELENIA SRL:

Alla base della conferenza stampa odierna, ospitata nella sede della Confindustria dell’Aquila, c’è la volontà di illustrare il progetto di Telenia S.r.l., impresa di cui fa parte uno dei player più grandi in Italia nel campo dei data center, essendo già proprietario di quattro infrastrutture. L’obiettivo è realizzarne una nuova nel cuore dell’Italia – all’Aquila – che oltre ad essere la quinta di questa importante famiglia, sarà anche uno dei più grandi Data Factory del sud del Continente.

Telenia arriva all’Aquila nel 2016 e dopo aver scandagliato il territorio aquilano, soprattutto quello relativo ai nuclei industriali, alla ricerca del miglior sito che rispondesse alle caratteristiche richieste dalla tipologia di attività, riesce definitivamente a selezionare il sito di Varranoni (tra Poggio Picenze e Fossa) nell’insediamento in cui risiedeva il Gruppo Edimo. Come è noto, solo negli ultimi mesi, gli immobili utili a Telenia sono tornati nella disponibilità delle banche, da sempre le uniche proprietarie, essendo gli immobili stati concessi in leasing strumentale al noto gruppo delle costruzioni. Pertanto Telenia è riuscita a finalizzare la sua trattativa che a breve volgerà alla fase conclusiva di acquisizione. Questo permetterà, finalmente, di dare nuova vita al tessuto produttivo del territorio e ancor più del sito industriale oggetto di crisi aziendale complessa.

L’insediamento all’Aquila di Telenia costituisce un’occasione per il territorio che, a causa di questi ritardi nell’acquisizione degli immobili, è solo stata rimandata e che in un paio di anni, ossia quando entrerà pienamente a regime, garantirà un’opportunità occupazionale per almeno 100/120 lavoratori altamente qualificati, come tecnici e ingegneri informatici e altri professionisti di alto profilo. Il progetto punta fortemente sui talenti legati al mondo dell’innovazione e trova nella stretta collaborazione con il territorio uno dei suoi punti cardine: opportunità, lavoro e occupazione saranno da un lato l’esito di una sinergia che nasce con e per l’Università, mentre dall’altro saranno il catalizzatore del know how di professionalità con grande esperienza nel settore Ict.

Il data factory che nascerà all’Aquila è un progetto complementare a quello già esistente a Udine e rappresenta una crescita, che nulla toglie al suo “fratello” in Friuli Venezia Giulia in termini occupazionali e di commesse, ma che, al contrario, per esso costituisce una rafforzamento nell’offerta di servizi sempre più innovativi.

Il data factory Telenia è basato su un’idea evolutiva: non sarà un semplice accumulatore di dati di terzi, ma vuole essere una fucina di produzione di contenuti, partendo proprio dalle menti brillanti del territorio, un concetto assolutamente nuovo in Italia. Nel data factory verranno “costruiti” prodotti software e architetture tecnologiche ad alta qualità e innovazione, dedicati alle piccole e medie imprese e alla Pubblica Amministrazione. Ricerca e tecnologia fanno di questo progetto un esempio di eccellenza nel panorama italiano.

Al suo interno Telenia avrà un modello del tutto inedito di acceleratore d’impresa, che potrà contare su spazi, capacità di calcolo e professionalità già proprie del Data Factory, tutti elementi messi a disposizione dei giovani che avranno l’opportunità di portare all’Aquila uno “sguardo sul nostro futuro”, un progetto che farà del capoluogo abruzzese un hub dell’innovazione. Ne è una testimonianza la presenza in conferenza stampa dello startupper Mehdi Mahdloo, un “innovatore seriale” che nell’acceleratore di Telenia vedrà insediata la sua idea imprenditoriale, ormai matura per essere portata sul mercato.

Sempre nell’ottica di operare nel territorio Telenia si è affidata alle più importanti professionalità del territorio in ogni settore, scegliendo all’Aquila i consulenti che permetteranno di finalizzare e concretizzare il suo progetto. Il piano industriale è ormai ben definito e l’Azienda ha le risorse economiche necessarie a portarlo a compimento.

Quello di Telenia costituisce sicuramente un progetto ambizioso per il nostro territorio ed è giusto che si lavori tutti insieme per realizzarlo.

Il servizio del Tg8

Sii il primo a commentare su "L’Aquila, big data: “Telenia” pronta ad aprire e ad assumere 120 esperti"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*