Atessa: saracinesche negozi diventano “tele” grazie alla street art

street-art-atessa11

Atessa: saracinesche grigie e spente dei negozi, addio! Grazie alla street art diventano tele, vere e proprie opere d’arte.

Sabato scorso, infatti ad Atessa, l’appuntamento con la street art e con l’iniziativa, denominata “Numerocivico”, a cura dell’associazione “Atessa XXI secolo”, in collaborazione con l’assessorato agli Eventi del Comune e con Atma (Atessa museo aperto), “che vuole promuovere e cercare di fare del centro sangrino un luogo importante e di riferimento per la street art”.

“Quest’anno – spiega Ilenia Fantasia, vicepresidente di  di “Atessa XXI secolo” – spiega al sito web  ww.abruzzolive.tv, 6 artisti di talento hanno realizzato i propri lavori su serrande di ex attività commerciali. Siamo convinti – aggiunge – che l’arte ha il potere di smuovere tutto dandogli luce, colore e vita”.

“Un appuntamento che ha riempito il centro storico di creatività”, dichiara l’assessore agli Eventi, Vincenzo Menna al sito”.

Questi gli artisti che sono stati al lavoro dalle 10 a notte fonda.

Stefano Villanese, classe ’88, di Atessa, nome d’arte Rame. E’ stato nominato da Atma anche direttore artistico di questa edizione. Laureato all’Accademia di Belle Arti di Brera, Villanese ha vissuto per 8 anni a Milano dove è cresciuto artisticamente; parentesi spagnola a Bilbao per poi finire in Egitto come scenografo.

Michela Di Lanzo: diplomata in Pittura ad Urbino presso l’Accademia di Belle Arti, nel 2010, trasferitasi a Berlino, si avvicina al mondo dell’illustrazione ed animazione sovietica. In questo periodo abbandona tele e pennelli per tornare alla china, alla carta, al bianco e nero. Vive e lavora nella campagna abruzzese dove prende forma la sua ricerca: la terra, gli animali, le storie, rivisitate in chiave crudele e ironica per mezzo di una scrittura fatta di penne, pennelli e pellicola.

Andrea Ranieri, in arte Emeid, artista autodidatta, nasce ad Augsburg (Germania) nel 1985. Nel 1996 si trasferisce ad Ortona, dove attualmente vive e lavora. Specializzato nella creazione di ritratti, che realizza avvalendosi dei pennelli o degli spray. I suoi primi graffiti risalgono agli anni 2000,

Francesco Marchesani, di Vasto, in arte Onem, writer che ha realizzato opere in diverse zone d’Italia, tra cui San Salvo e le Isole Tremiti.

Alessio Ruocco, in arte Arkham, che sulla propria pagina Facebook spiega di creare “con mani e fantasia… murales….aerografie…ritratti”.

Francesco Pasquale, nome d ‘arte Redrum.


 

Sii il primo a commentare su "Atessa: saracinesche negozi diventano “tele” grazie alla street art"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*