Variante alla Statale 17: all’inchiesta pubblica ribadito il no

Sindaci, cittadini e tecnici dell’Anas a confronto sulla questione Variante Sud della Statale 17. Si è tenuta finalmente l’inchiesta pubblica alla Regione Abruzzo.

Richiesta con insistenza dai comitati contrari a tutte le ipotesi di tracciato della statale 17 fin qui proposte dall’Anas, e che interessa i territori di Paganica, Onna, Pescomaggiore, San Gregorio, Tempera, Bazzano, Fossa e Poggio Picenze, che verrebbero attraversati e – secondo i detrattori – danneggiati – da una strada di 10 chilometri, dal costo di circa 50 milioni di euro. L’inchiesta pubblica servirà per un primo confronto sulle proposte attuali allo scopo di migliorarle e infatti tra i vari soggetti convocati e ascoltati dal direttore generale della Regione, Cristina Gerardis anche l’ingegnere capo del dipartimento abruzzo dell’Anas, Antonio Marasco. La risposta del comitato er la Valutazione d’impatto ambientale arriverà probabilmente soltanto a fine estate.

L’opera è stata inserita dal presidente della Regione Luciano D’Alfonso nella lista prioritaria delle infrastrutture regionali da realizzare e modificherà profondamente l’assetto viario della zona est della città, ma è molto contestata dalle comunità locali. Anche dal Forum dell’Acqua.

L'autore

Marianna Gianforte
Giornalista professionista dal 2009, iscritta all'Albo dell'Ordine dei Giornalisti d'Abruzzo. Dopo la laurea in Culture per la Comunicazione all’Università dell’Aquila, frequenta un master in Giornalismo all'Università di Teramo. Collabora con il quotidiano regionale "Il Centro Spa" e Radio Delta. La scrittura e il giornalismo fanno parte della sua vita, come anche lo sport. Ama la corsa, la bicicletta e la montagna.

Sii il primo a commentare su "Variante alla Statale 17: all’inchiesta pubblica ribadito il no"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*