L’Aquila, videosorveglianza nelle new town sgomberate

progetto case

Le piastre dei quartieri del progetto C.a.s.e. dichiarate inagibili per i problemi strutturali che hanno comportato in vari casi anche il crollo di solai e balconi, saranno perimetrate, recintate e dotate di installazioni di videosorveglianza, per garantire la pubblica incolumità e prevenire il rischio di furti e atti vandalici ai danni degli alloggi.

A stabilirlo è la giunta comunale, su proposta dell’assessore alla Ricostruzione pubblica Maurizio Capri. In via prioritaria si interverrà sulle piastre degli insediamenti di Arischia, Sassa (nucleo industriale) e Cese di Preturo, per un costo complessivo degli interventi di oltre 180mila euro.

“Come noto – ha dichiarato l’assessore Capri – 18 piastre dei complessi C.a.s.e. sono state dichiarate inagibili, a seguito del crollo di un balcone nell’insediamento di Cese di Preturo, avvenuto nel settembre 2014, e delle successive indagini. Questi edifici, pertanto, ancorché sgomberati, possono costituire un pericolo, proprio a causa delle condizioni statiche, se non adeguatamente protettitransennati. L’evacuazione degli immobili comporta, inoltre, l’esposizione degli stessi ad atti vandalici, furti e occupazioni abusive, tanto che, unitamente alle forze dell’ordine, siamo già dovuti intervenire più volte a causa di tentativi di effrazione negli alloggi”.

“Si è dovuto pertanto provvedere – ha concluso l’assessore – alla programmazione di interventi di delimitazione e transennatura, onde evitare che si creino situazioni di pericolo dovute al rischio di edimenti strutturali, e al contempo, attraverso un sistema di videosorveglianza, creare un deterrente volto a evitare saccheggi degli alloggi e atti di vandalismo, a tutela, dunque, dell’incolumità dei cittadini e del patrimonio pubblico”.

Il Video :

l

L'autore

Marianna Gianforte
Giornalista professionista dal 2009, iscritta all'Albo dell'Ordine dei Giornalisti d'Abruzzo. Dopo la laurea in Culture per la Comunicazione all’Università dell’Aquila, frequenta un master in Giornalismo all'Università di Teramo. Collabora con il quotidiano regionale "Il Centro Spa" e Radio Delta. La scrittura e il giornalismo fanno parte della sua vita, come anche lo sport. Ama la corsa, la bicicletta e la montagna.

Sii il primo a commentare su "L’Aquila, videosorveglianza nelle new town sgomberate"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*