L’Aquila, Collemaggio: il pavimento nascosto

Una pedana di legno che copre lo splendido pavimento trecentesco di Collemaggio, tornato alla luce dopo l’imponente restauro della Basilica lo scorso 20 dicembre. A denunciare la presenza della struttura “intrusa” è Maria Grazia Lopardi, studiosa aquilana esperta di simbolismo religioso.

Lopardi ricorda come già prima del terremoto, nel 2006, la città si divise tra chi riteneva necessario isolare i tubi del riscaldamento con pedane o parquet, e chi – come la studiosa stessa – difendeva l’autenticità della pavimentazione. Ora la Lopardi, che si prepara a pubblicare un altra sua opera sulla basilica di Collemaggio, fa un appello al Comune e alla Soprintendenza: restituire subito il pavimento al suo autentico splendore.

L'autore

Marianna Gianforte
Giornalista professionista dal 2009, iscritta all'Albo dell'Ordine dei Giornalisti d'Abruzzo. Dopo la laurea in Culture per la Comunicazione all’Università dell’Aquila, frequenta un master in Giornalismo all'Università di Teramo. Collabora con il quotidiano regionale "Il Centro Spa" e Radio Delta. La scrittura e il giornalismo fanno parte della sua vita, come anche lo sport. Ama la corsa, la bicicletta e la montagna.

Sii il primo a commentare su "L’Aquila, Collemaggio: il pavimento nascosto"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*