Il Caesar finisce all’asta

Meno di un milione di euro per acquistare il mitico Caesar di Silvi marina: prima discoteca simbolo del divertimento degli anni ’80 poi night club, il Caesar nacque dall’idea dell’imprenditore Vincenzo Gentile.

Il tribunale di Teramo ha fissato al prossimo mercoledì 22 giugno 2016, con inizio alle ore 13, la vendita senza incanto di quattro lotti legati al complesso denominato Caesar. Il lotto più grande, il locale adibito a sala da ballo su due piani per un totale di 1.593 metri quadrati e un ampio parco adibito a dancing all’aperto di circa 1.900 metri quadrati, ha un prezzo a base d’asta di un milione e 24 mila euro, ma l’offerta minima è di 768 mila euro (rilancio minimo di 5 mila euro). Attualmente la proprietà del Caesar è in mano a una banca, la Carichieti. Gli avvocati di Gentile hanno fatto istanza al giudice Marco Procaccini di sospendere la vendita all’asta in attesa della sentenza del tribunale tributario della causa civile fatta contro la Carichieti. Il giudice si è riservato di decidere anche perchè Gentile potrebbe vincere entrambe le cause.

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

Sii il primo a commentare su "Il Caesar finisce all’asta"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*