Sorpreso a “spaccare” un’auto: in manette 27enne pescarese

carabiniericarabinieri-notte

Sorpreso a “spaccare” un’auto in via Lungaterno sud a Pescara, i carabinieri lo hanno arrestato pochi minuti dopo il colpo. In una busta, il 27 enne finito ai domiciliari, nascondeva l’autoradio appena rubata dall’auto.

Erano le 19.00 quando una pattuglia dei carabinieri, transitando nei parcheggi sul lungofiume di Pescara, già pieni di auto, hanno visto una persona armeggiare all’interno di una Smart con la portiera aperta. Riconosciuto il ragazzo, Andrea Tiberi, è scattato subito il controllo che ha consentito di coglierlo con “le mani nel sacco”: in una busta, infatti, il 27 enne pescarese aveva nascosto l’autoradio appena rubata insieme ad un grosso cacciavite utilizzato per forzare la portiera. Il giovane è stato tratto in arresto per furto aggravato, messo ai domiciliari e lunedì sarà portato in Tribunale per la convalida.

 

 

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

Sii il primo a commentare su "Sorpreso a “spaccare” un’auto: in manette 27enne pescarese"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*