Ciampi, il sindaco di Rocca di Mezzo: “Era uno di noi”

A Rocca di Mezzo Carlo Azeglio Ciampi era considerato un cittadino rocchigiano a tutti gli effetti, amato e atteso ogni anno nelle sue visite durante i mesi estivi e invernali.

Ciampi non era il presidente ed ex governatore della Banca d’Italia, ma il vicino di casa, il villeggiante semplice che amava fermarsi a parlare con la gente, a bere un caffè nei bar del centro, a mangiare piatti tipici nel ristorante di riferimento, al suo fianco sempre la moglie Franca. La coppia aveva infatti comprato da tempo una casa al centro del bel paese dell’Altopiano delle Rocche, che da dieci anni gli aveva conferito la cittadinanza onoraria proprio in onore della sua lunga frequentazione del Comune. Una presenza affettuosa e discreta, ora che si è spento a 95 anni dopo una lunga malattia, mancherà molto ai cittadini di Rocca di Mezzo.

L'autore

Marianna Gianforte
Giornalista professionista dal 2009, iscritta all'Albo dell'Ordine dei Giornalisti d'Abruzzo. Dopo la laurea in Culture per la Comunicazione all’Università dell’Aquila, frequenta un master in Giornalismo all'Università di Teramo. Collabora con il quotidiano regionale "Il Centro Spa" e Radio Delta. La scrittura e il giornalismo fanno parte della sua vita, come anche lo sport. Ama la corsa, la bicicletta e la montagna.

Sii il primo a commentare su "Ciampi, il sindaco di Rocca di Mezzo: “Era uno di noi”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*