Messa in sicurezza A24/A25, i sindacati: “Lavoratori a rischio”

Un grido d’allarme per il rischio licenziamento per centinaia di lavoratori e la richiesta di un incontro con il ministro dei Trasporti Graziano Delrio.

E’ quanto lanciano i sindacati Filt Cgil, Fit-Cisl ,Sla-Cisal) e Ugl-At in risposta allo stop ai lavori annunciato dalla concessionaria Strada dei Parchi del gruppo Toto, nel caso in cui i 57 milioni di euro mancanti dal complessivo finanziamento di 110 per la messa in sicurezza delle due tratte, che collegano il Lazio e l’Abruzzo non vengano sbloccati.

I sindacalisti ricordano la necessità di portare a termine interventi tempestivi sull’infrastruttura – alla luce anche delle scosse di terremoto che sono tornare a farsi sentire nelle ultime 48 ore nell’Aquilano e al confine con Amatrice – per i quali il gruppo Toto ha già avviato una serie di cantieri avviati.

“Disagi da affrontare oggi per avere sicurezza domani”, dicono i sindacalisti, soprattutto lavori da terminare con le modalità previste negli atti normativi approntati, per evitare di far ricadere il loro costo sugli utenti”. Ad oggi, però, dal ministero ancora non arrivano risposte, come spiega Domenico Fontana della Filt Cgil.

L'autore

Marianna Gianforte
Giornalista professionista dal 2009, iscritta all'Albo dell'Ordine dei Giornalisti d'Abruzzo. Dopo la laurea in Culture per la Comunicazione all’Università dell’Aquila, frequenta un master in Giornalismo all'Università di Teramo. Collabora con il quotidiano regionale "Il Centro Spa" e Radio Delta. La scrittura e il giornalismo fanno parte della sua vita, come anche lo sport. Ama la corsa, la bicicletta e la montagna.

Sii il primo a commentare su "Messa in sicurezza A24/A25, i sindacati: “Lavoratori a rischio”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*