L’Aquila, la protesta dei Forestali: “No alla militarizzazione”

“No alla militarizzazione del Corpo forestale dello Stato”: con questo slogan gli uomini della forestale questa mattina hanno protestato a Fonte Cerreto, a pochi passi dalla funivia che conduce a Campo Imperatore, per dire no alla riforma del Governo che in sostanza sopprime il Corpo forestale accorpandolo ai carabinieri.

Un sit-in organizzato da tempo ma che per una coincidenza cade a poche ore dal sì del Consiglio dei ministri – ieri – all’accorpamento nll’Arma, con il quale le forze di polizia italiane passano da cinque a quattro.

“Un risparmio irrisorio”, protestato i forestali, oggi affiancati a Fonte Cerreto nella loro protesta anche dai rappresentanti locali e nazionali dei sindacati, “un impoverimento sul fronte della sicurezza ambientale e agroalimentare che riguarderà tutto il Paese” dicono Marco Moroni (Sapaf), Ezio Di Cintio (Cgil Corpo Forestale) e Danilo Scipio (Ugl Corpo Forestale).

Il ministro delle Politiche forestali Maurizio Martina ha assicurato che verrà salvaguardata la professionalità della Forestale, ma ciò non tranquillizza gli uomini dalla divisa verde che da sempre sono molto amati dai cittadini. I forestali questa mattina hanno incontrato a Fonte Vetica anche il regista Jan Maria Michelini e l’attore Daniele Aliotti della fictnion “A un passo dal cielo 4”, che si sta girando a Campo Imperatore proprio in questi giorni,. La fiction infatti si avvale anche della collaborazione del Corpo foretsale dello Stato.

L'autore

Marianna Gianforte
Giornalista professionista dal 2009, iscritta all'Albo dell'Ordine dei Giornalisti d'Abruzzo. Dopo la laurea in Culture per la Comunicazione all’Università dell’Aquila, frequenta un master in Giornalismo all'Università di Teramo. Collabora con il quotidiano regionale "Il Centro Spa" e Radio Delta. La scrittura e il giornalismo fanno parte della sua vita, come anche lo sport. Ama la corsa, la bicicletta e la montagna.

Sii il primo a commentare su "L’Aquila, la protesta dei Forestali: “No alla militarizzazione”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*