L’Aquila, sottoservizi: viaggio nel “tunnel intelligente”

Viaggio all’interno dell’enorme serpentone dello “Smart tunnel”, l’opera che serve a ottimizzare e migliorare la gestione dei sottoservizi della città.

Luce, gas, acqua, comunicazioni, i servizi essenziali che permettono alle persone di vivere quotidianamente la città, passeranno all’interno . Una struttura “invisibile” che attraverserà L’Aquila, dall’asse centrale (ossia il centro storico vero e proprio) alle vie più esterne.

Un’opera mai realizzata prima in Italia, almeno non in un centro cittadino. I servizi – realizzati da un’associazione temporanea di imprese, tra cui alcune anche aquilane – sono posizionati in appositi vani del tunnel che è percorribile a piedi dai tecnici; quindi, in caso di guasti o d’interventi di manutenzione sulle reti, è semplice individuare il problema e intervenire. Come ci spiega il direttore tecnico dell’impresa che realizza i lavori, Antonio Tramontano.

L'autore

Marianna Gianforte
Giornalista professionista dal 2009, iscritta all'Albo dell'Ordine dei Giornalisti d'Abruzzo. Dopo la laurea in Culture per la Comunicazione all’Università dell’Aquila, frequenta un master in Giornalismo all'Università di Teramo. Collabora con il quotidiano regionale "Il Centro Spa" e Radio Delta. La scrittura e il giornalismo fanno parte della sua vita, come anche lo sport. Ama la corsa, la bicicletta e la montagna.

Sii il primo a commentare su "L’Aquila, sottoservizi: viaggio nel “tunnel intelligente”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*