Pescara: Marcia a piedi scalzi per i migranti

marcia-piedi-scalzi

Anche a Pescara, oggi pomeriggio, la Marcia delle Donne e degli Uomini Scalzi per tenere alta l’attenzione sulla questione migranti.

L’appuntamento è dalle 17.30, al Ponte del Mare di Pescara, da dove, in concomitanza della Marcia lanciata a Venezia, associazioni, movimenti, partiti e semplici cittadini cammineranno scalzi fino a piazza Sacro Cuore.

Una marcia a piedi scalzi – Vai sulla Pagina Facebook – per chiedere con forza quattro punti necessari per il cambiamento delle politiche migratorie europee e globali, spiegano gli organizzatori della iniziativa a Pescara:

1. certezza di corridoi umanitari sicuri per vittime di guerre, catastrofi e dittature
2. accoglienza degna e rispettosa per tutti
3. chiusura e smantellamento di tutti i luoghi di concentrazione e detenzione dei migranti
4. creare un vero sistema unico di asilo in Europa superando il regolamento di Dublino

“E’ arrivato il momento di decidere – dicono  gli organizzatori della Marcia – da che parte stare. E’ vero che non ci sono soluzioni semplici e che ogni cosa in questo mondo è sempre più complessa. Ma per affrontare i cambiamenti epocali della storia è necessario avere una posizione, sapere quali sono le priorità per poter prendere delle scelte. Noi stiamo dalla parte degli uomini scalzi. Di chi ha bisogno di mettere il proprio corpo in pericolo per poter sperare di vivere o di sopravvivere. E’ difficile poterlo capire se non hai mai dovuto viverlo. Ma la migrazione assoluta richiede esattamente questo: spogliarsi completamente della propria identità per poter sperare di trovarne un’altra. Abbandonare tutto, mettere il proprio corpo e quello dei tuoi figli dentro ad una barca, ad un tir, ad un tunnel e sperare che arrivi integro al di là, in un ignoto che ti respinge, ma di cui tu hai bisogno. Sono questi gli uomini scalzi del 21°secolo e noi stiamo con loro. Le loro ragioni possono essere coperte da decine di infamie, paure, minacce, ma è incivile e disumano non ascoltarle. La Marcia degli Uomini Scalzi parte da queste ragioni e inizia un lungo cammino di civiltà. E’ l’inizio di un percorso di cambiamento che chiede a tutti gli uomini e le donne del mondo globale di capire che non è in alcun modo accettabile fermare e respingere chi è vittima di ingiustizie militari, religiose o economiche che siano. Non è pensabile fermare chi scappa dalle ingiustizie, al contrario aiutarli significa lottare contro quelle ingiustizie. Dare asilo a chi scappa dalle guerre, significa ripudiare la guerra e costruire la pace. Dare rifugio a chi scappa dalle discriminazioni religiose, etniche o di genere, significa lottare per i diritti e le libertà di tutte e tutti. Dare accoglienza a chi fugge dalla povertà, significa non accettare le sempre crescenti disuguaglianze economiche e promuovere – concludono i promotori della Marcia – una maggiore redistribuzione di ricchezze.”

 

Aderiscono: Arci, Amnesty International, Coordinamento regionale Migranti, Emergency , Rete Primo Marzo, Ass. Alis, Collettivo studentesco Pescara, Cgil – Camera del Lavoro, Ass. Movimentazioni, Sinistra Ecologia Libertà, Rifondazione Comunista, Pd, Gd, Cooperativa sociale Il Mandorlo, PdCI

L'autore

Antonella Micolitti
E' nata e vive a Pescara. Si è laureata con lode in Lettere, all'Università d'Annunzio di Chieti. Giornalista professionista dal 2007, si occupa principalmente di politica, sociale, attualità, costume. E' appassionata di storia e storia dell'arte bizantina e astronomia, strimpella il pianoforte e le piace il mare d'inverno. Ama Luigi Tenco e le sue canzoni ma le piace ascoltare anche Jovanotti, quello meno conosciuto con i suoi brani più belli. Adora la Grecia e la Russia e le rispettive lingue. Il suo obiettivo è raccontare il volto più curioso e nascosto dell'Abruzzo. Suggeritele le vostre storie. Scrivete alla mail "[email protected] o .it". Sarà lieta, per quanto possibile, di darvi voce e spazio, perché la televisione la fate voi con noi.

Sii il primo a commentare su "Pescara: Marcia a piedi scalzi per i migranti"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*