Dall’Abruzzo a Mauthausen, i giovani sui luoghi della Shoah

Sono rientrati sabato notte gli studenti delle scuole di Torre de’ Passeri, partiti dall’Abruzzo alla volta di Mauthausen. Una ventina di ragazzi, insieme agli insegnanti e al sindaco Piero Di Giulio, hanno partecipato al viaggio in Austria organizzato e in parte finanziato dal Comune nell’ambito del concorso “I giovani ricordano la Shoah”.

Il gruppo abruzzese ha visitato il campo di lavoro e concentramento nel campo di Mauthausen e le città di Graz, il cui centro storico è Patrimonio culturale mondiale Unesco, Linz – città adagiata sul Danubio – e Salisburgo, città natale di Mozart. Nella spedizione anche i vincitori della settima edizione del concorso “I giovani ricordano la Shoah”. Gli studenti dell’Istituto Comprensivo e dell’Istituto Tecnico Commerciale avevano presentato i loro lavori alla giuria del premio, presieduta dal sindaco Piero Di Giulio. In viaggio, oltre ai vincitori e altri compagni delle rispettive scuole, anche le dirigenti scolastiche Antonella Pupillo e Patrizia Corazzini, gli insegnanti e alcuni cittadini, per un totale di 34 persone. L’esperienza è stata accompagnata e documentata da Rete8. Questa sera, giovedì 17 marzo, e in replica domani, venerdì 18 marzo, lo speciale de Il fatto, in onda rispettivamente alle 20.05 e alle 14.45, dopo i telegiornali.Tappa fondamentale del viaggio della memoria la visita all’ex campo di concentramento di Mauthausen, realizzato nell’agosto del 1938, subito dopo l’annessione dell’Austria al Terzo Reich, e diventata una delle peggiori fabbriche della morte del regime nazista. In totale, in poco meno di 7 anni, nel periodo che va costruzione alla sua liberazione da parte dell’Esercito americano nel maggio del 1945, a Mauthausen furono deportate quasi 200.000 persone, soprattutto polacchi, seguiti dai cittadini sovietici e ungheresi, ma c’erano anche numerosi gruppi di tedeschi, austriaci, francesi, italiani, jugoslavi e spagnoli. In totale, l’amministrazione delle SS del Lager registrò uomini, donne e bambini provenienti da più di 40 Nazioni. Le persone decedute all’interno del campo sono state 80000.

“Ci siamo sentiti smarriti, impotenti – hanno sottolineato i giovani torresi – abbiamo visto e sentito in ogni luogo, in ogni angolo, su ogni muro e in ogni sotterraneo del campo tutta l’atrocità della violenza dell’uomo contro l’uomo. In una parola siamo entrati per un po’ nella storia”.

Il sindaco Di Giulio ha aggiunto:

“Il viaggio a Mauthausen ha rappresentato un’esperienza importante – ha detto il sindaco Di Giulio – che i ragazzi hanno vissuto con consapevolezza e coinvolgimento, anche grazie ai progetti che l’amministrazione promuove da alcuni anni e che sono stati condivisi con le scuole, che ringraziamo per la collaborazione”. Un’esperienza unica che rimarrà impressa nel cuore e nelle menti di ognuno”.

 

L'autore

Marina Moretti
Nata a Pescara, dopo la maturità classica ha svolto diversi lavori in ambito culturale, artistico e teatrale per poi dedicarsi completamente al giornalismo, sia giornali che radio e tv. Giornalista pubblicista dal 1996, è professionista dal 2010. Come redattore di Rete8, dal 2001, si occupa di diversi settori, con particolare interesse per quello culturale. Ha da poco aperto un blog di fotografie skybycarphotos.

Sii il primo a commentare su "Dall’Abruzzo a Mauthausen, i giovani sui luoghi della Shoah"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*