Brexit, le conseguenze per l’Abruzzo

Si chiamano Regno Unito, ma se l’Unione si fa con l’Europa non se ne parla. I britannici hanno scelto, a maggioranza, di fare ciao ciao a noi e agli Europei.

Una decisione storica che comunque dovrà fare i conti con un risultato lacerante: il “Leave” ha vinto il referendum per uscire dalla Ue con il 51,89% dei voti, contro poco meno del 47% del “Remain”.

Così importante da far rimandare la direzione nazionale del Pd, così preoccupante da far riunire d’urgenza i massimi vertici istituzionali, così angosciante da far fibrillare le borse e i mercati. La paventata – o auspicata, dipende dai punti di vista – Brexit è diventata realtà, una realtà che ha svegliato bruscamente l’Europa e forse l’ha anche presa a schiaffi. Ma sono davvero così nefaste e perniciose le conseguenze dell’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea? Abbiamo chiesto all’economista Pino Mauro se e come questa scelta possa avere conseguenze sull’Italia e sull’Abruzzo e abbiamo scoperto che la nostra regione potrebbe avere difficoltà , visto che ha proprio nell’Inghilterra il suo terzo mercato di destinazione:

L'autore

Marina Moretti
Nata a Pescara, dopo la maturità classica ha svolto diversi lavori in ambito culturale, artistico e teatrale per poi dedicarsi completamente al giornalismo, sia giornali che radio e tv. Giornalista pubblicista dal 1996, è professionista dal 2010. Come redattore di Rete8, dal 2001, si occupa di diversi settori, con particolare interesse per quello culturale. Ha da poco aperto un blog di fotografie skybycarphotos.

Sii il primo a commentare su "Brexit, le conseguenze per l’Abruzzo"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*