Agronomi d’Abruzzo: “I boschi sono in stato di abbandono”

Un appello che è anche un atto d’accusa quello della Federazione regionale degli Agronomi e Forestali d’Abruzzo che segnala lo stato di abbandono dei boschi. Il “polmone verde” respira troppa burocrazia secondo il presidente Mario Di Pardo.

Un tempo era nota come regione verde d’Europa e ancora oggi può vantare, a buon diritto, una superficie boschiva grande quasi quanto quella del Piemonte: 438.590 ettari, con un indice boschivo che arriva al 40%. Peccato però che, secondo quanto segnalato dagli agronomi e forestali, si tratti per lo più di aree abbandonate a se stesse.

“Colpa di una cronica mancanza di programmazione del settore – afferma il presidente della Federazione dei dottori Agronomi e Forestali dell’Abruzzo, Mario Di Pardo – che comporta la quasi totale mancanza di figure professionali appropriate negli organici della Regione e la difficoltà a completare in tempo, nei pur ampi periodi garantiti dalla Legge quadro forestale, gli iter autorizzativi per i progetti di taglio. Inoltre, nell’ultimo decennio, abbiamo assistito ad una sempre maggiore “burocratizzazione” e a una costante diminuzione delle risorse finanziarie previste nell’ambito delle misure forestali del Programma di Sviluppo Rurale”.

In sostanza, secondo gli agronomi e forestali abruzzesi, il settore sarebbe semi paralizzato e mancherebbe il regolamento sulla legge quadro regionale, promulgata nel 2014 dopo un ritardo decennale.

“Un risultato raggiunto anche grazie alla collaborazione tecnica-istituzionale della Federazione – dica ancora Di Pardo – il Regolamento sarebbe dovuto arrivare 180 giorni dopo, ma attualmente esiste solo una bozza. La Federazione e altri enti hanno inviato delle osservazioni al Regolamento perché ritenuto troppo articolato e complesso e di difficile applicazione. Nel frattempo tutto tace. Le risorse umane destinate al settore sono totalmente inadeguate e la Regione Abruzzo ha assunto, con una riforma, tutte le competenze una volta svolte dal Corpo Forestale dello Stato, avocando a sé una miriade di compiti che hanno finito per indebolire ancora di più il settore”.

L'autore

Marina Moretti
Nata a Pescara, dopo la maturità classica ha svolto diversi lavori in ambito culturale, artistico e teatrale per poi dedicarsi completamente al giornalismo, sia giornali che radio e tv. Giornalista pubblicista dal 1996, è professionista dal 2010. Come redattore di Rete8, dal 2001, si occupa di diversi settori, con particolare interesse per quello culturale. Ha da poco aperto un blog di fotografie skybycarphotos.

Sii il primo a commentare su "Agronomi d’Abruzzo: “I boschi sono in stato di abbandono”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*