Terremoto, il racconto di Salvatore dall’ospedale dell’Aquila

Sono 15 attualmente i feriti del sisma di Amatrice ricoverati nel reparto di Ortopedia dell’ospedale San Salvatore dell’Aquila. La loro situazione è stazionaria alcuni sono in via di miglioramento e saranno piano piano dimessi.

Altri sono già potuti uscire dall’ospedale, in cui hanno trovato un’oasi di accoglienza. Ma dai loro occhi è difficile strappare immagini della distruzione e dal loro corpo e impossibile togliere il dolore fisico del peso delle macerie che hanno rischiato di schiacciarli. Tra loro c’è anche Salvatore Gabrieli il dipendente comunale di 56 anni che si è salvato grazie un grande armadio che gli ha permesso di continuare a respirare proteggendo la parte alta del suo corpo e la testa avuto danni abbastanza sei al bacino e alla gamba destra ma già da oggi potrà fare una tac per vedere la sua situazione ci ha raccontato la sua storia.

L’accoglienza di feriti all’ospedale San Salvatore è stata possibile grazie anche a un importante lavoro di squadra dei medici, degli infermieri e degli operatori del San Salvatore che hanno alle spalle la loro triste esperienza di terremoto.

Il primario del reparto di Ortopedia Stefano Flamini spiega qual è la situazione attuale dei feriti, che saranno operati entro venerdì prossimo.

Altri feriti sono ricoverati nel reparto di Neurochirurgia.

L'autore

Marianna Gianforte
Giornalista professionista dal 2009, iscritta all'Albo dell'Ordine dei Giornalisti d'Abruzzo. Dopo la laurea in Culture per la Comunicazione all’Università dell’Aquila, frequenta un master in Giornalismo all'Università di Teramo. Collabora con il quotidiano regionale "Il Centro Spa" e Radio Delta. La scrittura e il giornalismo fanno parte della sua vita, come anche lo sport. Ama la corsa, la bicicletta e la montagna.

Sii il primo a commentare su "Terremoto, il racconto di Salvatore dall’ospedale dell’Aquila"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*