Terremoto, il racconto di Salvatore dall’ospedale dell’Aquila

Sono 15 attualmente i feriti del sisma di Amatrice ricoverati nel reparto di Ortopedia dell’ospedale San Salvatore dell’Aquila. La loro situazione è stazionaria alcuni sono in via di miglioramento e saranno piano piano dimessi.

Altri sono già potuti uscire dall’ospedale, in cui hanno trovato un’oasi di accoglienza. Ma dai loro occhi è difficile strappare immagini della distruzione e dal loro corpo e impossibile togliere il dolore fisico del peso delle macerie che hanno rischiato di schiacciarli. Tra loro c’è anche Salvatore Gabrieli il dipendente comunale di 56 anni che si è salvato grazie un grande armadio che gli ha permesso di continuare a respirare proteggendo la parte alta del suo corpo e la testa avuto danni abbastanza sei al bacino e alla gamba destra ma già da oggi potrà fare una tac per vedere la sua situazione ci ha raccontato la sua storia.

L’accoglienza di feriti all’ospedale San Salvatore è stata possibile grazie anche a un importante lavoro di squadra dei medici, degli infermieri e degli operatori del San Salvatore che hanno alle spalle la loro triste esperienza di terremoto.

Il primario del reparto di Ortopedia Stefano Flamini spiega qual è la situazione attuale dei feriti, che saranno operati entro venerdì prossimo.

Altri feriti sono ricoverati nel reparto di Neurochirurgia.

Sii il primo a commentare su "Terremoto, il racconto di Salvatore dall’ospedale dell’Aquila"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*