L’Aquila, bando “Fare centro”: le speranze dei commercianti

Parcheggi inesistenti, una deregulation ancora diffusa, cantieri della ricostruzione e sottoservizi. L’Aquila e le sue frazioni rinascono pezzo per pezzo, ma in questo nono Natale dopo il terremoto del 2009 è ancor tanta la strada da fare per tornare a una normalità piena.

E far tornare il capoluogo di regione e i suoi cittadini a una vita normale e migliore di prima del sisma è uno degli obiettivi che si pone il bando regionale “Fare centro”, un bando da 12 milioni di euro suddiviso in tre linee d’interventi finanziate grazie al 4% dei fondi della ricostruzione accantonati proprio per lo sviluppo economico dei territori del cratere sismico.

L’obiettivo del bando è ripopolare il centro storico dell’Aquila, ma anche dare respiro ai piccoli imprenditori e ai professionisti che dopo il terremoto del 2009 hanno dovuto rimettersi in gioco, spesso perdendo tutto, qualcuno ha gettato la spugna, altri hanno trovato la forza e il coraggio di reinventarsi. Ora con il bando fare centro la speranza si fa concretezza.

IL SERVIZIO DEL TG8:

L'autore

Marianna Gianforte
Giornalista professionista dal 2009, iscritta all'Albo dell'Ordine dei Giornalisti d'Abruzzo. Dopo la laurea in Culture per la Comunicazione all’Università dell’Aquila, frequenta un master in Giornalismo all'Università di Teramo. Collabora con il quotidiano regionale "Il Centro Spa" e Radio Delta. La scrittura e il giornalismo fanno parte della sua vita, come anche lo sport. Ama la corsa, la bicicletta e la montagna.

Sii il primo a commentare su "L’Aquila, bando “Fare centro”: le speranze dei commercianti"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*