Montesilvano: prima festeggia l’amico, poi rapina l’oste

Montesilvano: prima festeggia l’amico in trattoria, poi rapina il titolare del locale. La prodezza è costata cara ad un pregiudicato di Pescara, arrestato per rapina aggravata e resistenza a pubblico ufficiale.

Era andato in trattoria per festeggiare il compleanno di un amico, ma al termine della festa ha pensato bene, già che c’era, di rapinare il titolare del locale minacciandolo con una pistola giocattolo. Protagonista dell’episodio un pluripregiudicato 21enne. Il suo complice è stato identificato e denunciato. Stando al racconto della vittima, ieri sera intorno alle 23.30 si è presentato a cena un gruppo di otto persone, tra le quali c’era anche il giovane che festeggiava il suo compleanno. Il 21enne e il complice sono arrivati a fine serata; al momento di pagare il conto, 220 euro consegnati dal festeggiato al titolare del locale, i due ultimi arrivati si sono fatti riconsegnare i soldi. “Ridai i soldi ai ragazzi perché ci penso io, visto che è un compleanno” avrebbe detto uno dei due. A quel punto il resto del gruppo si è allontanato, mentre i due continuavano a minacciare di morte il proprietario intimandogli di non avvisare la polizia. Poi sono fuggiti ma poco dopo sono stati rintracciati, non lontano dal locale, dagli agenti della Mobile. Dopo una violenta colluttazione il giovane è stato arrestato. La pistola, una perfetta replica di una Beretta calibro 9 senza l’obbligatorio tappo rosso, è stata ritrovata nelle vicinanze.

L'autore

Marina Moretti
Nata a Pescara, dopo la maturità classica ha svolto diversi lavori in ambito culturale, artistico e teatrale per poi dedicarsi completamente al giornalismo, sia giornali che radio e tv. Giornalista pubblicista dal 1996, è professionista dal 2010. Come redattore di Rete8, dal 2001, si occupa di diversi settori, con particolare interesse per quello culturale. Ha da poco aperto un blog di fotografie skybycarphotos.

Sii il primo a commentare su "Montesilvano: prima festeggia l’amico, poi rapina l’oste"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*