Mercato etnico Pescara, la risposta del sindaco Alessandrini

Il sindaco di Pescara, Marco Alessandrini, risponde alle critiche espresse nella manifestazione di protesta del centrodestra contro la realizzazione del mercato multietnico nell’area della stazione ferroviaria.

 

I rappresentanti del centrodestra hanno dichiarato che la delibera approvata dal sindaco per la ricostituzione del mercatino etnico nel tunnel della stazione ferroviaria rappresenta una “bomba sociale” pronta ad esplodere in breve tempo.

“Quella odierna – scrive Alessandrini – era una giornata di allestimento del cantiere dei lavori di riqualificazione e messa in sicurezza dell’area dove sorgerà il mercato etnico e dell’integrazione, una volta esperito il bando del progetto sperimentale che sta alla base di questa iniziativa. Lavori che la sedicente manifestazione di protesta non ha né bloccato, né rallentato. Ciò che c’era di illegale nell’area di risulta era ciò che noi abbiamo eliminato dopo ben 20 anni di mancanza di interventi. Con il mercato etnico e dell’integrazione noi vogliamo ristabilire il rispetto delle regole, lì e altrove in città. Questo, in relazione ad un’esigenza di inclusione legata ad un mercato che sarà regolato, controllato e aperto a tutte le nazionalità, senza distinzione di razza, sesso e religione, convinti come siamo che di questi tempi e per lavorare davvero per un futuro migliore, sia sempre meglio fare ponti che innalzare muri. Facciamo tutto questo perché non si ripetano altri 20 anni di abusi visibili e saremo implacabili per il rispetto delle norme perché i diritti di tutti siano rispettati”.

Sii il primo a commentare su "Mercato etnico Pescara, la risposta del sindaco Alessandrini"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*