L’Aquila, Perdonanza. I fedeli ora aspettano Papa Francesco

Tra pochi mesi l’avvio dei lavori per la ricostruzione della cattedrale di San Massimo, è in quella data che il vescovo dell’aquila Giuseppe Petrocchi vorrebbe che nella città colpita dal sisma otto anni fa, arrivasse anche Papa Francesco.

Un invito fatto ieri sera al termine della santa messa stazionale, poco prima dell’apertura della Porta Santa della Basilica di Santa Maria di Collemaggio, e rivolto al Cardinale Gualtiero Bassetti, affinché riporti a Papa Bergoglio l’appello che viene dall’intera comunità aquilana.

Lavori alla cattedrale, oppure apertura della Porta Santa per la 724esima Perdonanza celestiniana: gli aquilani e i fedeli che arrivano all’Aquila tra il 28 e il 29 agosto di ogni anno per passare sotto la Porta Santa di Collemaggio, aspettano l’arrivo del Pontefice a bussare a quella Porta che perdona tutti i peccati.

L'autore

Marianna Gianforte
Giornalista professionista dal 2009, iscritta all'Albo dell'Ordine dei Giornalisti d'Abruzzo. Dopo la laurea in Culture per la Comunicazione all’Università dell’Aquila, frequenta un master in Giornalismo all'Università di Teramo. Collabora con il quotidiano regionale "Il Centro Spa" e Radio Delta. La scrittura e il giornalismo fanno parte della sua vita, come anche lo sport. Ama la corsa, la bicicletta e la montagna.

Sii il primo a commentare su "L’Aquila, Perdonanza. I fedeli ora aspettano Papa Francesco"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*