Fiom: giudice reintegra lavoratore società Tasso Atessa

FIOMJobs-Act-FIOM-preoccupata

Il giudice reintegra un lavoratore alla società Tasso di Atessa. La notizia resa nota dalla Fiom Cgil.

La Tasso Spa è un’azienda metalmeccanica che occupa circa cento persone. Esegue lavorazioni di materiale plastico e ferroso. Nulla ha a che vedere con l’impresa edile, anch’essa di proprietà dell’ingegner Tasso, precisa la Fiom.

“Nella giornata di ieri, presso il Tribunale di Lanciano – ha commentato il segretario generale della Fiom di Chieti, Davide Labbrozzi – si e’ sancito un altro duro colpo per il mondo delle ingiustizie e delle discriminazioni. Infatti, il giudice, ha condannato la Tasso SpA di Atessa a reintegrare un lavoratore, sindacalista Fiom, annullando di fatto il licenziamento messo in atto circa un anno fa”. “Mario Esposito, questo e’ il nome del delegato sindacale della Fiom – spiega Labbrozzi in una nota – era stato licenziato, a nostro avviso, semplicemente perche’ troppo bravo nello svolgere il suo lavoro sindacale. E’ bene precisare, che Esposito fu licenziato pochi giorni dopo uno sciopero che sollevava una serie di problematiche inerenti la salute delle persone, i carichi di lavoro, il presunto non rispetto di alcune norme legislative in materia di sicurezza. La sentenza, raggiunta anche e soprattutto grazie al lavoro dell’avvocato della Cgil, Domenico Sciorra, ha ribadito che con la giustizia italiana non si scherza, che le persone vanno rispettate proprio come va rispettata le Legge dello Stato italiano. Inoltre, afferma la Fiom, e’ stato precisato indirettamente che i lavoratori non possono essere offesi, che i sindacalisti non vanno considerati un peso di cui liberarsi, ma rappresentanti dei lavoratori con cui confrontarsi. Il Tribunale di Lanciano ha condannato la Tasso a riassumere tempestivamente il lavoratore, a risarcirlo e, a pagare tutte le spese processuali. Tutto cio’ – per il segretario del sindacato dei metalmeccanici – dimostra che la Tasso ha violato i principi sacrosanti della Legge dello Stato. La Fiom – conclude Labbrozzi – attende l’immediato reintegro del lavoratore ed il pagamento di tutto quanto previsto dalla sentenza. Pertanto, la Tasso e chi l’ha mal consigliata, farebbero bene a riconsiderare il modo di operare.”

L'autore

Antonella Micolitti
E' nata e vive a Pescara. Si è laureata con lode in Lettere, all'Università d'Annunzio di Chieti. Giornalista professionista dal 2007, si occupa principalmente di politica, sociale, attualità, costume. E' appassionata di storia e storia dell'arte bizantina e astronomia, strimpella il pianoforte e le piace il mare d'inverno. Ama Luigi Tenco e le sue canzoni ma le piace ascoltare anche Jovanotti, quello meno conosciuto con i suoi brani più belli. Adora la Grecia e la Russia e le rispettive lingue. Il suo obiettivo è raccontare il volto più curioso e nascosto dell'Abruzzo. Suggeritele le vostre storie. Scrivete alla mail "[email protected]" o "[email protected]". Sarà lieta, per quanto possibile, di darvi voce e spazio, perché la televisione la fate voi con noi.

Sii il primo a commentare su "Fiom: giudice reintegra lavoratore società Tasso Atessa"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*