Crolli sisma 2009, tante le cause civili su cui si aspetta risposta

terremoto-Laquila

Presto non ci sarà più la Casa dello studente, simbolo del terremoto del 2009 dove morirono 8 giovani, per lo più studenti universitari fuori sede. Al suo posto nascerà un luogo della memoria, in progettazione proprio da parte degli studenti universitari dell’Aquila, saranno loro a decidere come sarà lo spazio lasciato libero dall’edificio, che verrà abbattuto. Intanto per la Casa dello Studente la ausa penale si è conclusa in cassazione con quattro condanne definitive. Sono 22 le parti civili, seguite dall’avvocato teramano Wania Della Vigna, ragazzi sopravvissuti e i famigliari del giovane arrivato dalla Giudea per studiare Medicina, Hussein Hamade, conosciuto come Michelone. E’ in corso invece la causa civile contro la Regione Abruzzo e l’Azienda per il diritto allo studio per 12 vittime e per i famigliari di Hassade. A fine aprile ci saranno altre cause civili sempre per la Casa dello studente, in particolare 13 posizioni che riguardano ragazzi sopravvissuti e famigliari di giovani invece deceduti sotto al crollo. 11 invece le parti civili del processo alla Commisisone Grndi rischi, che si aggiungono al processo per il crollo del palazzo in via Francesco Rossi. E ora anche i processi per le vittime di Amatrice e Rigopiano.

IL SERVIZIO DEL TG8:

Sii il primo a commentare su "Crolli sisma 2009, tante le cause civili su cui si aspetta risposta"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*