Parte anche in Abruzzo il progetto “Una pila alla Volta”

Anche in Abruzzo le scuole possono partecipare alla campagna “Una Pila alla Volta”, patrocinata dal Ministero dell’Ambiente e promossa dal Centro di Coordinamento Nazionale Pile e Accumulatori (CDCNPA).

“Una pila alla Volta”, che si propone di incentivare la raccolta differenziata delle batterie tra i ragazzi e le ragazze dai 10 ai 14 anni, comprende anche un contest che mette in palio decine di buoni acquisto da spendere in attrezzature didattiche e sportive. Nelle prime settimane di avvio del progetto, nella regione Abruzzo, sono già 15 le scuole iscritte al concorso. La campagna è stata presentata in conferenza stampa a Lanciano, città che fa parte della provincia più virtuosa in materia di raccolta differenziata delle pile esauste.

“L’obiettivo – si legge nelle note di presentazione del progetto – è sensibilizzare i giovani sulla corretta gestione delle pile esauste, che non vanno gettate con i rifiuti indifferenziati ma separate e portate negli appositi punti di raccolta sul territorio. In Abruzzo, nel 2016, sono stati raccolti e gestiti dal CDCNPA quasi 76000 kg di pile e accumulatori portatili. L’Abruzzo è la Regione che, in Italia, ha incrementato maggiormente la raccolta di questa speciale tipologia di rifiuti, registrando un aumento rispetto al 2015 del 64,46%. I luoghi di raccolta serviti dai Consorzi iscritti al CDCNPA sono complessivamente 224, di cui 32 punti presso le isole ecologiche e 187 presso le attività commerciali (oltre a 5 centri di stoccaggio e aziende specializzate). Il risultato migliore si registra in Provincia di Chieti: sono stati avviati al recupero, infatti, oltre 14000 kg di pile e accumulatori portatili, ritirati presso i 62 luoghi di raccolta presenti sul territorio. Per far crescere ancora questi numeri, i ragazzi e le ragazze nati negli anni compresi tra il 2003 e il 2006 potranno formare una squadra e insieme a un tutor maggiorenne andare sul sito www.unapilaallavolta.it e iscriversi al contest, una vera e propria gara a chi si impegna di più nel fare e comunicare la raccolta differenziata delle batterie. Le squadre saranno chiamate ad affrontare 5 sfide legate alla raccolta differenziata di pile e accumulatori portatili. Si passa da un quiz sul tema delle batterie a creare una scultura con le pile scariche abbandonate in casa, passando per la realizzazione di video e canzoni a tema. Potranno poi condividere i contenuti sui social network per spingere i propri amici a votare la propria testimonianza sulla piattaforma e ottenere così punti utili a scalare la classifica. In palio per le squadre più votate ci saranno voucher da spendere per l’acquisto di materiale scolastico o sportivo del valore compreso tra 1.000 e 2.500 euro, con un montepremi complessivo a livello nazionale di 55.000 euro. Inoltre i campioni di ogni area territoriale saranno chiamati nel mese di maggio a Como per partecipare all’evento finale”.

Stando ai dati forniti dal CDNPA, l’Abruzzo è la regione italiana che ha registrato l’incremento maggiore di pile e accumulatori gestiti nel 2016, con un +64% rispetto al 2015.

“La Provincia di Chieti – spiega Luca Tepsich, Segretario Generale del CDCNPA – è particolarmente attiva, con oltre 14000 kg di rifiuti gestiti, anche i dati del 2017 confermano questa tendenza. Ma la regione Abruzzo è in controtendenza rispetto alla media nazionale. Negli ultimi anni, infatti, si è assistito a un leggero calo e la quantità di pile e accumulatori portatili avviati al riciclo non è sufficiente per raggiungere gli obiettivi europei. Per questo abbiamo deciso di puntare sulle giovani generazioni e diffondere un messaggio semplice: le batterie non vanno gettate con la spazzatura indifferenziata ma nei contenitori loro dedicati. Abbiamo chiesto loro di mettersi in gioco e di farlo insieme perché la salvaguardia dell’ambiente è una sfida che si vince insieme raccogliendo Una Pila Alla Volta”.

Alla presentazione del progetto è intervenuto anche il sindaco di Lanciano Mario Pupillo, anche presidente della Provincia di Chieti:

“Un progetto così meritevole di attenzione e partecipazione non poteva che partire da Lanciano, la Capitale della difesa dell’Ambiente in Abruzzo – ha detto Pupillo – Trasmettere ai nostri concittadini più giovani il valore della tutela dell’ambiente e dell’attenzione alla gestione dei rifiuti è un obiettivo chiaro di questa Amministrazione che è stata e sarà sempre in prima fila sui temi legati alla difesa della Terra e del Mare. Ci apprestiamo a chiudere il primo anno a pieno regime di raccolta differenziata a quota 75%: questo progetto va in quella direzione e non possiamo che sostenerlo e promuoverlo. Invitiamo dunque tutti gli alunni delle scuole medie di Lanciano a partecipare al contest e a sensibilizzare sul tema le proprie famiglie”.

 

Sii il primo a commentare su "Parte anche in Abruzzo il progetto “Una pila alla Volta”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*