Rivoluzione tecnologica per i Vigili di Pescara

vasto-ciclomotore-rubato

Rivoluzione tecnologica per i Vigili di Pescara. Il debutto digitale della Municipale è costato 185.000 euro: i soldi, oltre la metà provenienti dalla Regione Abruzzo, sono serviti ad informatizzare la sala operativa, in connessione diretta con le pattuglie impegnate sulle strade cittadine.

La strumentazione digitale, più sofisticata della precedente di tipo analogico, servirà a potenziare la vigilanza sul territorio e a velocizzare le segnalazioni di incidenti o di problemi della circolazione. La nuova dotazione a disposizione dei vigili urbani comprende 55 nuove radio portatili e 13 da autoveicolo, due nuovi ponti radio, tablet per gli uomini in pattuglia con le auto e kit per il bluetooth per quelli in sella alle motociclette. La sala operativa di Pescara è tra le prime in Italia ad essersi dotata di un sistema informatizzato, che tra l’altro dispone di uno schermo luminoso che riproduce la piantina della città con la dislocazione, in tempo reale, delle pattuglie e delle varie criticità. In caso di incidente, la pattuglia di servizio nella zona procede direttamente ai rilievi e raccoglie le testimonianze dei presenti, con tanto di firma certificata. Contemporaneamente, l’incidente viene inserito nel database e compare sullo schermo luminoso della centrale operativa. Ma il nuovo sistema potrà agevolare anche i cittadini, che riceveranno il verbale dell’incidente direttamente via mail, rimanendo comodamente a casa. Ma la rivoluzione digitale non può dirsi completa senza un sito internet dedicato, ed è proprio questo il prossimo obiettivo della municipale di Pescara, capitanata da Carlo Maggitti.

Sii il primo a commentare su "Rivoluzione tecnologica per i Vigili di Pescara"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*